Rubrica Lettere alla Redazione

Senza lilleri 'un si lallera

Sono stanca di far finta che nella vita contano i valori

Print Friendly and PDF

Qualche giorno fa su un social network mi sono imbattuta nel post di un giovane che diceva che nella vita i soldi fanno la felicità perché permettono di realizzare i propri sogni. Ci ho ragionato un po’ su e alla fine mi sono trovata d’accordo. Sì, i soldi fanno la felicità al netto di salute e affetti. Quello che voglio dire è che i soldi non possono comprarti la salute e non possono far tornare in vita un caro morto, però se uno nella vita gode di una buona salute e ha con chi condividere la vita i soldi la differenza la fanno eccome! Personalmente sono una giovane donna in un buono stato di salute un partner che mi ama e che amo ma i soldi non ci sono e questo è motivo di grande sofferenza sia per me che per le persone che amo. Mi piacerebbe potermi concedere una vacanza, potermi permettere di fare un regalo a mia mamma o a mio fratello. Mi sarebbe piaciuto proseguire gli studi ma l’università costava e i pochi soldi che guadagnavo andavano tutti in casa perciò è un sogno che ho accantonato. Non posso comprare casa, non posso comprare un automobile e faccio fatica ad arrivare a fine mese. Questo non è vivere. Questa è semplicemente sopravvivenza. Da piccoli ci insegnano che i soldi non fanno la felicità, che l’importante è l’amore e balle varie. Ma sono stronzate! Sono stanca di far finta che nella vita contano i valori, la famiglia e altre cose e non rompetemi con la storia del “guarda chi sta peggio”. Mi sono rotta il cazzo di guardare chi sta peggio di me, non mi fa sentire meglio. 

A.A.

Redazione
© Riproduzione riservata
28/05/2018 21:21:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Asilo Cavour. Declino e fine d’una grande tradizione >>>

Le donne moderne non servono più a niente? >>>

La mia odissea con la Telecom >>>

Il Signor Terremoto >>>

Lettera aperta al sindaco di Città di Castelle e cittadini tifernati >>>

Cancellate di nuovo le scritte, infamanti, xenofobe, razziste >>>

Scomparsa di Giovagnini Pier Pasquale e di leda Duchi >>>

Un pensiero sui parchi >>>

Vertenza Bekaert, lavoratori e rappresentanze sindacali scrivono ai produttori di spumanti >>>

Lettera aperta all'assessore del comune di Città di Castello Bassini >>>