Notizie Locali Politica

Comune Arezzo: uniti per difendere la sanità aretina

Ghinelli e Tanti: “sul superamento delle aslone non ci fermeremo”

Print Friendly and PDF

“Gli addii di queste settimane pesano molto, ma noi siamo consapevoli che molte eccellenze sono rimaste ad Arezzo, alcune anche con disagio, ma tutte con la volontà di garantire il meglio per i cittadini. Se quindi guardiamo con dispiacere a chi se ne va, esprimiamo stima e gratitudine a chi, tutti i giorni, dà un servizio sanitario di grande qualità. Proprio a chi decide di rimanere ad Arezzo noi dobbiamo il massimo rispetto e la massima attenzione”. A seguito degli abbandoni “eccellenti” e dei “rumors” su altre possibili scelte che potrebbero ulteriormente penalizzare il presidio ospedaliero aretino, il Sindaco Alessandro Ghinelli e l'Assessore alla Sanità Lucia Tanti esprimono il loro sostegno ed apprezzamento per il personale sanitario del nosocomio. “Il San Donato è un presidio ospedaliero che vede la presenza di personale medico e paramedico di grande professionalità, in grado di offrire agli aretini prestazioni importanti e con tutte le caratteristiche per essere un'eccellenza. Il 'male' della sanità toscana e aretina – continuano Ghinelli e Tanti - è nel sistema impazzito voluto dalla Regione e che noi intendiamo cambiare, non per partito preso, ma perché il fallimento è un dato di fatto. E' per questo che abbiamo bisogno di tutti, per costringere la Regione ad un passo indietro su una scelta folle che crea enormi difficoltà al personale e ricade sui servizi e sui cittadini, e per portare la Regione ad un tavolo di trattativa serrata su assetti, risorse e prospettive. Ringraziamo tutti quei professionisti della ASL – compresi i livelli apicali spesso oggetto di strali solo in quanto esecutori di politiche regionali – e soprattutto rassicuriamo i cittadini perché l'unica cosa sbagliata ed inefficiente è il disegno politico della Regione”. E concludono, Sindaco e Assessore: “A settembre riapriranno le trattative con Firenze: ci aspetta un autunno caldo, perché noi non accetteremo mai che gli errori della Regione continuino a mortificare il tanto di buono che c'è e che rischia di perdersi tra fughe di chi va e mortificazioni di chi resta. A chi resta diciamo: uniamo le forze, il Comune c'è e non si ferma”.

Redazione
© Riproduzione riservata
10/08/2018 11:50:42


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Al via il Suape di Citta di Castello, una via telematica per istanze e pratiche >>>

La Presidente della Provincia di Arezzo riapre al traffico Ponte Buriano >>>

Approvato il nuovo Regolamento di edilizia residenziale sociale pubblica di Umbertide >>>

Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana: al via l’era di Alessandro Polcri >>>

Poste, ecco il “decalogo” per i piccoli Comuni >>>

Andrea Vignini si candida a sindaco di Cortona per un nuovo mandato >>>

Il sindaco di Subbiano Antonio De Bari nomina un nuovo assessore >>>

Manutenzione straordinaria e grandi opere a Sansepolcro >>>

Torna a riunirsi il Consiglio Comunale di Umbertide >>>

Bagno di Romagna, Forza Italia sul pericolo di esondazioni del Savio >>>