Notizie Locali Cronaca

Falsi operatori Aimet in Altotevere: l'azienda mette in guardia

Rischio truffe: nuove segnalazioni da parte di alcuni utenti

Print Friendly and PDF

Dopo i numerosi casi segnalati lo scorso luglio, sono tornati di nuovo in azione presunti agenti commerciali che, adottando pratiche scorrette se non addirittura ingannevoli, si presentano come operatori Aimet per indurre i potenziali clienti a sottoscrivere contratti di luce e gas non richiesti.

Ancora una volta è Umbertide, storica sede di Aimet, il comune maggiormente preso di mira dai falsi addetti Aimet che proprio in questi giorni sono tornati in azione, soprattutto attraverso il porta a porta. La tecnica utilizzata è sempre la stessa: avvicinano i potenziali clienti spacciandosi per operatori Aimet cercando così di conquistare la loro fiducia e, adducendo una serie di motivazioni spesso false e infondate, inducono il malcapitato a firmare un contratto.

Nonostante l’allarme lanciato più e più volte da Aimet, i tentativi di accaparrarsi nuovi clienti mettendo in atto pratiche commerciali scorrette ed ingannevoli sono ancora numerosi, così come numerose sono le segnalazioni dei clienti che, dopo aver ricevuto una visita o una telefonata poco gradita, contattano gli uffici Aimet per chiedere spiegazioni e rassicurazioni.

A fronte dei nuovi casi verificatisi in Altotevere, Aimet ricorda ancora una volta che l’azienda non pratica il porta a porta e non contatta telefonicamente i clienti per richiedere dati riguardanti la fattura, come il POD e il PDR. E soprattutto mette in guardia i clienti da potenziali truffe, ricordando alcune semplici regole:

1)      Non fare entrare in casa sconosciuti e non sottoscrivere contratti in maniera frettolosa

2)      Non comunicare al telefono dati personali o relativi alle proprie forniture (codice POD per la luce e codice PDR per il gas)

3)      In caso di sottoscrizione di un contratto che non vi soddisfa, esercitare il diritto di recesso entro i 14 giorni successivi

4)      Diffidare di chi propone offerte poco chiare ed esageratamente convenienti

5)      Segnalare alle autorità competenti i comportamenti ritenuti sospetti

Si ricorda infine che per qualsiasi informazione il personale di Aimet è comunque a disposizione dei clienti presso gli uffici di Umbertide, Città di Castello, San Giustino e Montone oppure contattando il numero verde gratuito 800 448 999. 

Redazione
© Riproduzione riservata
14/09/2018 13:24:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

I familiari di un paziente aggrediscono un infermiere del pronto soccorso >>>

Vettura si ribalta a Olmo: ferita una 63enne di Arezzo >>>

Esce di strada e finisce nel canale con la Panda: ferito il conducente >>>

Valdarno, ritrovati alle 4.30 di stamani il nonno e i due nipoti dispersi da ieri >>>

Arezzo, maxi tonno trasportato in strada senza protezione: locale chiuso >>>

La polizia municipale del Casentino intensifica l’attività di monitoraggio del territorio >>>

Oltre 4 milioni di consulenze "strane" all'ex Banca Etruria >>>

Un giovane del Valdarno spende 3000 euro alla settimana per comprare cocaina >>>

Interrogazione di Lia Montalti sull'interruzione della sp 137 dopo la frana di maggio >>>

Lieve intossicazione in una galvanica di Arezzo: tre persone in ospedale >>>