Notizie Locali Altre notizie

Il saluto di Sansepolcro ad Alessandro D’Alatri, regista de “I bastardi di Pizzofalcone”

Il regista, biturgense da parte di madre, ha diretto la seconda serie della fiction in onda su Rai1

Print Friendly and PDF

Lunedì 8 ottobre alle 21:25 su Rai1 andrà in onda la prima puntata della seconda serie de “I bastardi di Pizzofalcone”. La fiction è ambientata nella suggestiva cornice della Napoli dei giorni nostri ed è tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni.

Dopo il grande successo dello scorso anno, con una media di 7 milioni di spettatori a puntata, la regia di questa seconda stagione è stata affidata ad Alessandro D’Alatri.

Nato a Roma ma biturgense da parte di madre, Alessandro D’Alatri è da sempre ben conosciuto e stimato dai cittadini del Borgo. L’amministrazione comunale e tutta la comunità di Sansepolcro si congratulano per questo nuovo importante traguardo rivolgendo ad Alessandro un in bocca al lupo per i suoi futuri progetti professionali.

Redazione
© Riproduzione riservata
05/10/2018 20:49:17


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

Approvato il bilancio di esercizio dell'Università di Siena con un utile di 7,8 milioni di euro >>>

Campane in silenzio a Sansepolcro >>>

Daniele Nannucci premiato dall’Unione Europea per il suo esempio di pulizia dei boschi >>>

Nel ricordo del "Nonno" gli Sbandieratori donano un nuovo ausilio alla ASP Pia Casa di Riposo >>>

Il Cardinale Gualtiero Bassetti in visita alla Centralcar di Perugia >>>

Misericordia, Croce Rossa e Pubblica Assistenza si uniscono in Casentino >>>

Lavori in corso all'ufficio postale di Pieve Santo Stefano >>>

Chiusura pasquale per l'Archivio Storico Diocesano di Sansepolcro >>>

Un dipinto appartenuto a Licio Gelli venduto all'asta per 55mila euro >>>

Giosuè Banconi: tra i sei vincitori del Certamen Taciteum >>>