Opinionisti Claudio Cherubini

Omaggio al Merletto di Sansepolcro

L’importanza delle trine nella realtà socio-economia di Sansepolcro

Print Friendly and PDF

L’associazione “Il merletto nella città di Piero della Francesca” ha reso omaggio a questa antica arte attraverso la pubblicazione di un libro che sabato 29 settembre è stato presentato nel piccolo spazio museale dedicato all’opera della scuola delle sorelle Marcelli in piazza Garibaldi a Sansepolcro.

Quando a fine Ottocento Adele e Ginna Marcelli iniziarono la loro attività, ancora le trine adornavano i vestiti di ogni ceto sociale. Le sorelle Marcelli inizialmente si inserirono in questa tradizione, ma poi contraddistinsero i loro merletti tanto da identificarli come un prodotto tipico della loro scuola e il primo riconoscimento arrivò, con la medaglia d'oro all'Esposizione Internazionale di Milano nel 1906. Seguirono altri riconoscimenti che qualificarono il merletto di Sansepolcro come uno dei migliori d’Italia.

L’importanza delle trine nella realtà socio-economia di Sansepolcro è testimoniata da un famoso aneddoto: “Sora Gina, io e lei abbiamo dato lavoro a tutta la Valtiberina”. Così Marco Buitoni a metà del secolo scorso salutava Ginna Marcelli, titolare della “Premiata Scuola di Merletto a Fusello di A. e G. Marcelli”. Sono queste le due attività economiche che per prime nell’età contemporanea portarono i prodotti di Sansepolcro fuori della valle fin oltre oceano. E le trine delle sorelle Marcelli precedettero di una trentina d’anni i prodotti Buitoni nel Nord America.

Per tutti gli anni Venti, il laboratorio di Ginna Marcelli continuò ad avere un'importanza crescente nell’economia di Sansepolcro. Nel 1922 trovavano lavoro oltre 50 ragazze nel laboratorio di Sansepolcro e molte di più erano le donne sparse nella Valtiberina che lavoravano per la Marcelli. Secondo il podestà Facchini erano oltre 600 le donne impegnate nel 1927 in queste lavorazioni e non lavoravano tutte soltanto per la Marcelli. Infatti sull’onda del successo della Marcelli altre merlettaie si erano messe in affari. La scuola delle sorelle Marcelli creò tante maestre dell’arte del merletto a fusello e queste a loro volta lo diffusero a molte altre donne.

Allieva di Ginna Marcelli è Lelia Riguccini, presidente dell’associazione “Il merletto nella città di Piero della Francesca” e autrice del libro Omaggio al merletto di Sansepolcro, una pubblicazione fotografica di 210 pagine stampata dallo Stabilimento Arti grafiche di Sansepolcro e sponsorizzata da Leo Checcaglini.

Il volume, suddiviso per tipologie di lavoro e tematiche del disegno, inizia con un centro realizzato nel 1960 da Lelia Riguccini nel corso didattico presso la scuola della Marcelli, ma poi le altre fotografie riguardano opere eseguite in questi ultimi vent’anni da diverse merlettaie, realizzate su disegni della scuola Marcelli e soprattutto di Lelia Riguccini.

Il libro è una testimonianza della prolifica attività della scuola dell’associazione “Il merletto nella città di Piero della Francesca” guidata dalla stessa Riguccini e da Anna Capozzi che prosegue la tradizione sulle orme della Marcelli affinché non venga perduta questa laboriosa arte e si conservino quegli elementi caratterizzanti del merletto di Sansepolcro. Ginna Marcelli morì nel 1977, alla veneranda età di 95 anni, ma già il lavoro del tombolo era decaduto con la crisi dell’artigianato. Da allora si avviò un processo che aveva più il fine di conservare la tradizione che quello di incentivare la produzione e che culminò nel 1983 in una mostra a Sansepolcro che celebrava “l’iniziatrice del merletto al tombolo di Sansepolcro e la fondatrice della ‘Premiata Scuola di Merletto a Fuselli di A. e G. Marcelli’” e raccoglieva i merletti più prestigiosi conservati dalle famiglie della città. Contrariamente a quanto scrive l’ex assessore alla Cultura, Paola Cardelli, nella sua Presentazione al volume di Lelia Riguccini la mostra del merletto del 1983 non nacque dall’iniziativa di Anita Chersi Casini che invece ha il merito di aver raccolto in un libro nel 1996, edito da Petruzzi di Città di Castello dal titolo Ginna Marcelli e il merletto di Sansepolcro, un’ampia documentazione sulla Marcelli e sulle altre merlettaie di Sansepolcro. Gli onori di quest’idea vanno al Centro Culturale di Sansepolcro, presieduto da Paolo Piovaticci, e in particolare dal suggerimento di un socio anghiarese, il pittore Michele Boncompagni. Il successo di quell’esposizione, ne determinò un seguito l’anno successivo e una frequenza biennale che per merito delle merlettaie e del Centro Culturale assunse un respiro internazionale e arrivò fino al 2012. Un altro omaggio al merletto di Sansepolcro sarebbe ridare vita a questa biennale.

Redazione
© Riproduzione riservata
08/10/2018 15:38:01

Claudio Cherubini

Imprenditore e storico locale dell’economia del XIX e XX secolo. Collabora con vari periodici locali dal 1978. Ha pubblicato oltre trenta saggi storici su «Pagine Altotiberine», quadrimestrale dell'Associazione storica dell'Alta Valle del Tevere; altri articoli e saggi sono stati pubblicati in opere collettive e su altre riviste scientifiche. Ha tenuto diverse conferenze su temi di storia locale. Ha finora pubblicato due libri: nel 2003 "Terra d’imprenditori" e nel 2016 "Una storia in disparte. Il lavoro delle donne e la prima industrializzazione a Sansepolcro e in Valtiberina toscana (1861-1940)". Nel 2017 ha curato la mostra e il catalogo "190 anni di Buitoni. 1827-2017" e ha organizzato un ciclo di conferenze sulla storia del pastificio di Sansepolcro con i più autorevoli studiosi universitari della Buitoni.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Claudio Cherubini

Incontro sulla sicurezza nelle strade per chi pratica mobilità lenta >>>

Ferie d'agosto >>>

La cultura pacifista dei lavoratori >>>

Il Borgo che vorrei >>>

“Ecco” la Willy Loman Big Band >>>

1° maggio 1886: il simbolo della modernità in Valtiberina >>>

Eretiche >>>

Quando San Puccio era San Puzzo >>>

Mio figlio è bravissimo! >>>

La conoscenza genera la salute, l’ignoranza fa nascere la malattia >>>