Notizie Locali Cronaca

Minacce e botte ad anziani: tre sanitari verso il rito abbreviato, uno verso l'archiviazione

Il caso è relativo ai maltrattamenti nella casa di riposo di Strada in Casentino

Print Friendly and PDF

Chiuse le indagini sugli episodi di maltrattamenti alla casa di riposo di Strada in Casentino. Il pm Marco Dioni ha notificato gli avvisi ai sette operatori sociosanitari indagati. Gli episodi sono stati filmati dai carabinieri durante le indagini che avevano evidenziato offese e colpi inferti agli anziani ospiti della struttura, tutti in età avanzata. La vicenda di maltrattamenti emerse nell'aprile 2018 e fu sollevata da alcuni parenti degli anziani messi in allarme da lividi sui parenti. Dal procedimento emerge che tre imputati sarebbero orientati a chiedere il rito abbreviato, altri tre proporrebbero il patteggiamento. Una delle operatrici sociosanitarie coinvolte ha invece presentato una memoria, tutelata dal proprio legale Tiberio Baroni, e va verso l'archiviazione.

Redazione
© Riproduzione riservata
08/10/2018 22:24:15


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Si era finto malato per farsi dare i soldi dalla fidanzata: ora va a processo >>>

Arezzo, padre e figlia travolti da una vettura: grave la piccola di 7 anni >>>

Arezzo: interravano la droga sotto un albero per poi rivenderla >>>

Vicenda Banca Etruria: tolta la sanzione di Consob all'ex direttore Luca Bronchi >>>

Concorsopoli, Bocci adesso va in Cassazione: «Fatemi uscire» >>>

Sansepolcro, lupi sbranano un capriolo davanti alle abitazioni di Gragnano >>>

Cade dalla moto tra Stia e Londa: ferito un 66enne svizzero >>>

Bucine: altro colpo allo spaccio di droga >>>

Arezzo, operaio 50enne rimane incastrato in un compattatore dei rifiuti >>>

E' Luciano Camilli, figlio del presidente della Viterbese, l'aggressore di Giorgio La Cava >>>