Notizie Locali Cronaca

Accusa di diffamazione: Mauro Ferretti tornato ad Arezzo davanti al giudice di pace

L'ex presidente della società di calcio amaranto parlerà il 4 febbraio

Print Friendly and PDF

Mauro Ferretti, ex presidente dell’Arezzo calcio, è tornato in città per comparire davanti al giudice di pace. Motivo? La querela per diffamazione presentata nei suoi confronti dalla dirigente comunale Anna Lisa Biagini. Durante una conferenza stampa (era il 2015), Ferretti si lamentò di alcune mail con le quale l’ufficio sport, diretto dalla dottoressa Biagini, intimava al club interventi sulla struttura dello stadio Comunale. Ferretti nell’occasione pronunciò la frase incriminata da cui è scaturita la querela. In aula sono sfilati anche l’allora direttore generale Andrea Riccioli oltre all’allora assessore allo sport Francesco Romizi. Prossimo appuntamento il 4 febbraio. Nell’occasione Ferretti rilascerà una dichiarazione in merito alla vicenda. Nello stesso giorno in aula sarà visionato il video della conferenza stampa incriminata.

 

Redazione
© Riproduzione riservata
08/10/2018 22:40:22


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Si era finto malato per farsi dare i soldi dalla fidanzata: ora va a processo >>>

Arezzo, padre e figlia travolti da una vettura: grave la piccola di 7 anni >>>

Arezzo: interravano la droga sotto un albero per poi rivenderla >>>

Vicenda Banca Etruria: tolta la sanzione di Consob all'ex direttore Luca Bronchi >>>

Concorsopoli, Bocci adesso va in Cassazione: «Fatemi uscire» >>>

Sansepolcro, lupi sbranano un capriolo davanti alle abitazioni di Gragnano >>>

Cade dalla moto tra Stia e Londa: ferito un 66enne svizzero >>>

Bucine: altro colpo allo spaccio di droga >>>

Arezzo, operaio 50enne rimane incastrato in un compattatore dei rifiuti >>>

E' Luciano Camilli, figlio del presidente della Viterbese, l'aggressore di Giorgio La Cava >>>