Notizie Locali Politica

Forte decremento della spesa per il gioco d’azzardo nel 2017 a Castiglion Fiorentino

Simona Neri: 5.377.005 di euro in meno rispetto al 2016

Print Friendly and PDF

A Castiglion Fiorentino si spendono meno soldi per le scommesse e il gioco d’azzardo in genere. Lo attestano i dati delle "Agenzie delle Dogane e Monopoli (AAMS)" recentemente diffusi dal Responsabile Anci Toscana Ludopatie, Simona Neri. La nostra cittadina, rispetto all'anno 2016 ha registrato la più alta riduzione di spesa per raccolta giochi della Provincia di Arezzo. Comparando infatti i dati del 2016 con quelli del 2017 si registra un meno 5.377.005 euro.  Il Disturbo da Gioco d’Azzardo (DGA) non è solo un fenomeno sociale, ma è una vera e propria patologia, che rende incapaci di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse in denaro. Ad avvalorare la tesi del Ministero della Salute arrivano i dati che racchiudono il dramma che vivono tante famiglie. Tra queste anche quelle castiglionesi. Dai dati forniti da AAMS nel 2016, a Castiglion Fiorentino, la spesa pro capite è stata di 1.888,23 euro per abitante mentre la cifra di raccolta totale (per gli apparecchi si riferisce alla raccolta del contatore) ammonta a quasi 25 milioni di euro (24.943.545,36). Dall’indagine emerge anche che il 50 % di attività riguarda i giochi di abilità mentre i video giochi si fermano al 17 %, le lotterie istantanee 11 %, le scommesse sportive a quota fissa 8 % e il lotto si ferma al 7 %. In questi giorni è arrivata l’ultima indagine che mette a comparazione i dati del 2016 con quelli del 2017 dove si evince la grossa riduzione di spesa per la raccolta giochi con un meno 5.377.005 euro. "Dobbiamo continuare a lavorare sulla sensibilizzazione in accordo con le Asl di riferimento (dipartimenti SerD), con le Associazioni del territorio, le Forze dell'Ordine e tutti i Comuni. Se non affrontiamo questo fenomeno fin dalla tenera età, ed invito gli Enti a collaborare strettamente con le scuole, rischiamo che i giovani siano attratti da questa tipologia di giochi,  vinci milioni di euro facilmente e sei sistemato per la vita, che oltre a creare dipendenza isolano dalla società, a discapito di un gioco piu sano e sociale che contribuisce ad una corretta crescita dell'individuo” dichiara la responsabile Anci Toscana Ludopatie, Simona Neri.

Redazione
© Riproduzione riservata
03/11/2018 17:07:03


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Provincia di Perugia: si è insediato il nuovo presidente Luciano Bacchetta >>>

Anci: Decaro affida a Ghinelli la delega Alle politiche ambientali, territorio e protezione civile >>>

Consiglio comunale di Arezzo: le interrogazioni >>>

Si dimette il sindaco di Ortignano-Raggiolo dopo il fallimento del comune unico >>>

Mostra del Cavallo di Città di Castello: chiarire la situazione economica-finanziaria >>>

Subito una rotatoria a Montevarchi all'intersezione con via Valiani >>>

Castiglion Fiorentino: tre candidati per le primarie in vista delle amministrative >>>

Celebrati i vent’anni dell’istituto Venanzio Gabriotti >>>

Che fine hanno fatto i giovani del Pd in Umbria? >>>

Il Pd della provincia di Arezzo sembra essere alla frutta: si dimette Albano Ricci >>>