Notizie Nazionali Cronaca

Si è arreso dopo 7 ore l'uomo barricato in un ufficio postale nel Reggiano

L’uomo deve scontare 19 anni di carcere nell'ambito del maxi-processo di `Ndrangheta Aemilia

Print Friendly and PDF

Al termine di quasi otto, lunghissime ore di trattative coi carabinieri Francesco Amato si è arreso e ha liberato quattro ostaggi che teneva sotto la minaccia di un coltello da cucina. La prima a essere lasciata andare, intorno a mezzogiorno, era stata Annalisa Caluzzi: era svenuta per lo stress e il suo sequestratore, condannato pochi giorni fa a 19 anni di carcere per associazione mafiosa nel quadro della maxi-inchiesta contro la ‘ndrangheta “Aemilia”, l’ha fatta uscire dall’ufficio postale di Pieve Modolena, frazione a nord di Reggio Emilia. Ci era entrato verso le 9 di mattina brandendo un coltello dalla lama lunga 25 centimetri: dopo essersi qualificato per “quello condannato a nove anni in Aemilia”, come ha gridato ai presenti, ha ordinato ai clienti di andarsene trattenendo i cinque impiegati: la direttrice dell’ufficio Manuela Montanari, Massimo Maini, Annamaria Melito e Annalisa Caluzzi.  

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
05/11/2018 22:02:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Circoncisione fatta in casa, muore bimbo di 5 mesi >>>

L’autista del bus resta in carcere. Salvini gela Ramy: “Vuole la cittadinanza? Si faccia eleggere” >>>

Bologna, morti due ragazzini precipitati dall'ottavo piano di un palazzo >>>

Si cerca la verità sulla morte di Imane Fadil, ma il legale della famiglia lascia l’incarico >>>

Incendio nella nuova tendopoli di San Ferdinando, muore un migrante >>>

I pm: “Ousseynou Sy resti in carcere, può colpire ancora” >>>

Analisi sugli organi di Imane Fadil: non c’è evidenza di radioattività >>>

“I controlli sul Morandi truccati prima della strage”. Cinque indagati, svolta decisiva >>>

Videochat erotiche con calciatori famosi >>>

In mutua per coprire la sospensione della patente: così Ousseynou Sy guidava il bus di studenti >>>