Notizie Nazionali Politica

Il Senato approva il decreto sicurezza, 5 grillini non votano

Il maxi-emendamento approvato con 163 sì, 59 no e 19 astenuti. Protesta di Pd e Fi

Print Friendly and PDF

L’Aula del Senato ha approvato con 163 sì, 59 no e 19 astenuti il maxi-emendamento interamente sostitutivo del decreto legge sulla sicurezza. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera. «Voglio in galera corrotti e corruttori, è una riforma intelligente. E lo voglio io, Di Maio e Bonafede», dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Facebook. Hanno espresso la fiducia al governo i senatori di Lega e M5S. Non hanno partecipato al voto, dichiarando il dissenso dal gruppo sui contenuti del provvedimento non sulla fiducia all’Esecutivo, quattro senatori del Movimento: Gregorio De Falco, Elena Fattori, Paola Nugnes. Anche Virginia La Mura, che aveva firmato gli ementamenti, non ha partecipato alla votazione.Assente senza motivo invece Matteo Montero, che si era dichiarato contrario.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
07/11/2018 14:31:48


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Il Consiglio di Stato boccia il trasferimento del “Turismo” dal Mibact al ministero dell’Agricoltura >>>

Migranti: il premier Conte sfida il ministro Salvini >>>

Lega e Movimento 5 Stelle divisi anche sulle regole del referendum >>>

Il sindaco di Palermo “congela” il decreto sicurezza >>>

La Camera dei Deputati ha approvato la Manovra >>>

Di Maio chiude le porte all'ipotesi del rimpasto. Toninelli blinda il posto >>>

Manovra, corsa contro il tempo e rissa in Parlamento >>>

Pensioni, la scure per tutti fa perdere 300 euro l'anno >>>

Manovra, battaglia in Senato: il governo pone la fiducia >>>

Problemi alla società di famiglia anche per un altro "grillino": Alessandro Di Battista >>>