Notizie Locali Attualità

Stupro di Monterchi, scatta la petizione popolare ma il sindaco scrive a Salvini

Il primo cittadino: "Situazione insostenibile. Grave il fatto che l'episodio è stato sottaciuto"

Print Friendly and PDF

“E' la goccia che ha fatto traboccare il vaso, un fatto gravissimo su una situazione che già più volte dal sottoscritto era stata denunciata alla Prefettura - commenta deciso il sindaco di Monterchi Alfredo Romanelli - ho subito chiesto un incontro con il Ministro Salvini invitandolo anche in loco. Oltre ai recenti fatti relativi alla droga, ora si aggiunge pure questo: una situazione non più tollerabile. L'aspetto ancora più grave, però, è che questo fatto è stato sottaciuto per oltre un mese anche all'amministrazione essendo il sindaco, poi, anche il responsabile della pubblica sicurezza lasciando allo stesso tempo scorrazzare liberamente questi individui tra la nostra popolazione. Vogliamo un cambiamento: non sappiamo neppure quanti sono con precisione a livello di unità; sono arrivato a contarne addirittura una trentina. La mia è una denuncia forte perché non dovevamo arrivare a questo”.  Monterchi è sotto shock per il triste e alquanto preoccupante episodio che si è consumato all’interno di un edificio in mattoncini rossi che ospita rifugiati politici nella frazione di Le Ville. Siamo in via Michelangelo, la stessa direttrice che un tempo accoglieva l’ufficio postale. La gente non ha molta voglia di parlare, ma certa è una cosa: pronta è una petizione da parte dei cittadini per cercare di riportare la situazione alla normalità, ma se necessario farli allontanare. La promotrice, nonché portavoce del gruppo di cittadini pronti a firmarla, è la signora Rosaria Tarantino: figura attiva nella frazione e già protagonista di altre manifestazioni legate alle condizioni della strada Senese Aretina dentro l’abitato di Le Ville. Oltretutto dal balcone della propria abitazione vede anche la casa del terrore come già è stata ribattezzata. “Così è troppo – commenta – non si può più andare avanti: sentiamo quotidianamente schiamazzi e urla; questo accade anche durante la notte. Parlo anche da madre di famiglia e la situazione è alquanto preoccupante. Ma c’è di più, poiché dovrebbero essere una quindicina gli ospiti della struttura mentre assistiamo a un gran via vai di gente. Oltretutto, e non è la prima volta, ho assistito a scene quasi imbarazzanti: ovvero, lavare addirittura i piedi nella fontana posta accanto alla fermata del pullman di linea. Le Ville e Monterchi sembravano un’oasi felice, mentre scopriamo che non è proprio così. C’è paura e anche preoccupazione: intendiamoci, giusta è l’integrazione – su questo sono d’accordo – purché siano persone impegnate in qualche mansione. Non si vive più tranquilli e non siamo liberi di andare neppure al parco, c’è anche preoccupazione a scendere in strada la notte – conclude la signora Rosaria Tarantino – proprio per questo motivo siamo pronti a firmare una petizione: già le prime adesioni ci sono state per cercare di fare un po’ di chiarezza. Proprio ieri (martedì) ho dovuto chiamare i carabinieri poiché uno di loro, forse ubriaco, tentava di gettarsi sulla strada”.

Redazione
© Riproduzione riservata
08/11/2018 11:58:27


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Perugia, è di nuovo in vendita la casa nella quale venne uccisa Meredith Kercher >>>

Meno incidenti stradali ma più vittime in Umbria >>>

Scontro pesante tra Boldi presidente di Arezzo Fiere e il sindaco Ghinelli >>>

Via delle Tabacchine a Città di Castello non ci sarà: delusione da parte della popolazione >>>

Ok dalla Regione sul nuovo metanodotto Sansepolcro – Rimini >>>

Bicchiere di plastica calzato sulla testa della statua di Fossombroni ad Arezzo >>>

Un altro "ok" per il trasferimento all'Anas della 257 Apecchiese >>>

Sansepolcro, siringhe nella piazzola: la situazione con il Ser.D della Valtiberina >>>

Giovane tifernate protagonista su Rai 1 nel programma di Cristina Parodi >>>

Pieve si mobilita, sottoscrizione per la Madonna del Pontevecchio >>>