Notizie Locali Cronaca

Bibbiena: indagato il 50enne bosniaco per l'esplosione nella sua abitazione

I fatti risalgono al gennaio scorso: l'uomo rimase gravemente ferito

Print Friendly and PDF

È finito nel registro degli indagati il 50enne bosniaco rimasto gravemente ferito nell’esplosione della sua casa di Val di Meta, in Casentino, vicino a Chiusi della Verna. I fatti risalgono al 12 gennaio scorso e adesso, in base agli accertamenti disposti dal pm Marco Dioni, l’uomo potrebbe essere stato il responsabile di quanto avvenuto. Stando a quanto tentò di spiegare l'uomo - che era rimasto intrappolato tra le macerie -  la deflagrazione sarebbe avvenuta mentre stava armeggiando con la bombola di gpl che aveva in casa. Sarebbe stato in quel momento che ha pensato di accendere una sigaretta: un gesto forse automatico, fatto sovrappensiero. Un gesto che ha rischiato di essergli fatale. La casa andò completamente distrutta e di fronte al pm Dioni il 50enne si è però avvalso della facoltà di non rispondere.

Redazione
© Riproduzione riservata
05/12/2018 22:54:17


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Si era finto malato per farsi dare i soldi dalla fidanzata: ora va a processo >>>

Arezzo, padre e figlia travolti da una vettura: grave la piccola di 7 anni >>>

Arezzo: interravano la droga sotto un albero per poi rivenderla >>>

Vicenda Banca Etruria: tolta la sanzione di Consob all'ex direttore Luca Bronchi >>>

Concorsopoli, Bocci adesso va in Cassazione: «Fatemi uscire» >>>

Sansepolcro, lupi sbranano un capriolo davanti alle abitazioni di Gragnano >>>

Cade dalla moto tra Stia e Londa: ferito un 66enne svizzero >>>

Bucine: altro colpo allo spaccio di droga >>>

Arezzo, operaio 50enne rimane incastrato in un compattatore dei rifiuti >>>

E' Luciano Camilli, figlio del presidente della Viterbese, l'aggressore di Giorgio La Cava >>>