Notizie Locali Comunicati

Cortona, nessuna manifestazione ufficiale per il giorno del Ricordo

CasaPound attacca: “onorare i martiri delle foibe è un dovere”

Print Friendly and PDF

La sezione cortonese di CasaPound ha attaccato con un comunicato l’amministrazione comunale di Cortona, rea di non aver organizzato nessuna manifestazione ufficiale per il Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe e dell'esodo giuliano-dalmata.

“Ricordare il massacro dei nostri fratelli italiani nelle Foibe e il dramma degli esuli giuliano-dalmati è un dovere – dichiara Andrea Perugini, responsabile cortonese di CasaPound Cortona – e siamo esterrefatti nel constatare che per l’ennesimo anno, nonostante i nostri ripetuti solleciti, l’amministrazione comunale di Cortona si sia rifiutata di onorare ufficialmente i Martiri delle Foibe con una qualsiasi forma di commemorazione. Nessun comunicato ufficiale, nessuna manifestazione, nessuna conferenza e neppure un semplice post su Facebook per ricordare i tanti italiani vittima dell’odio comunista a partire dall’8 settembre 1943”.

“Tutto ciò è inaccettabile – prosegue Perugini – soprattutto perché la commemorazione del Giorno del Ricordo è istituita da una legge dello Stato italiano del 2004, ed è quindi ancora più grave che nel Comune di Cortona si continui a ignorare questa disposizione, non dando il giusto rilievo a una ricorrenza tragica per il popolo italiano: nelle foibe infatti morirono, vittime delle bestialità dei partigiani jugoslavi di Tito, più di ventimila nostri connazionali, legati dal filo di ferro e gettati ancora vivi nelle voragini carsiche, e continuare a negare e a silenziare questa tragedia a più di settan’anni di distanza non è più tollerabile”.

“La sinistra che oggi a Cortona evita di parlare di Foibe – conclude Perugini – è la stessa sinistra che all’epoca tirava le sassate agli esuli istriani in fuga dalla propria casa negando sulle colonne de “L’Unità” aiuti e ospitalità ai propri connazionali, è la stessa sinistra che per anni ha smentito, minimizzato e giustificato le atrocità partigiane e che ancora oggi, nonostante gli storici siano concordi nel riconoscere la brutalità di questa pagina storica, non perde occasione per cadere nel più becero revisionismo anti-italiano. Abbiamo assistito per anni a questo teatrino, oggi, nel 2019, è venuto il momento di dire basta: non ricordare le Foibe non è una scelta politica, non può essere considerata una folcloristica dimostrazione di comunismo fuori tempo massimo o una legittima opinione politica. Non ricordare le Foibe, non parlarne alla cittadinanza, non insegnare ai ragazzi a scuola cosa sia stata questa tragedia, significa voltare le spalle al proprio popolo e operare una disgustosa selezione tra morti di Serie A e Serie B. Anche quest’anno il Comune di Cortona si è reso responsabile di ciò, speriamo con tutto il cuore che sia l’ultima volta”.

Redazione
© Riproduzione riservata
11/02/2019 11:15:16


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

La ex zona distretto Casentino verso un ritorno all'autonomia funzionale ed economica >>>

Furti a San Giustino, Rifondazione: "La sicurezza è un compito dello Stato, intervenga il ministro" >>>

Quota 100 e reddito di cittadinanza: chiedi a noi per saperne di più! >>>

Verso le primarie del #3marzo: venerdì 22 febbraio assemblea pubblica >>>

Casucci: la prostituzione deve essere regolarizzata >>>

San Giustino, vertice per la sicurezza tra amministrazione e forze dell'ordine >>>

Castiglion Fiorentino: il buon governo é possibile >>>

Nestlé Italia, a Manuela Kron la direzione Marketing consumer communication >>>

Inceneritore: il sindaco di Arezzo si esprima sulla questione >>>

Tariffa calmierata e investimenti per 131 milioni da parte di Nuove Acque >>>