Notizie dal Mondo Attualità

Ritrovata Kweneng, la città perduta in Sudafrica

Ed è molto più grande del previsto

Print Friendly and PDF

Dopo anni di ricerche, grazie all'impiego della tecnologia laser, gli archeologi hanno ritrovato la fiorente città di Kweneng all'interno di quello che oggi è la riserva naturale di Suikerbosrand, in Sudafrica. Siamo a 50 chilometri da Johannesburg e l'insediamento è esistito per circa quattrocento anni, per poi essere distrutto e abbandonato intorno al 1820, probabilmente a causa delle guerre civili. Qui risiedevano 10 mila persone di etnia Tswana e i loro discendenti da allora lottando per far riconoscere Kweneng come patria. Alcune rovine di Kweneng erano già state individuate. Ma solo ora è stato possibile scoprire molto di più sul suo passato e la sua estensione, decisamente maggiore rispetto a quanto si pensava.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
11/02/2019 14:21:49


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Myrta Merlino nominata ambasciatrice dell'Unicef: “Guai all'indifferenza davanti alle atrocità” >>>

Pensioni, in Portogallo non si pagano tasse neppure sulle rendite previdenziali >>>

Nord Corea, Kim Jong un apre a un terzo summit con Trump >>>

Settanta parlamentari britannici al governo: consegnate Assange alla Svezia >>>

Usa, gli studenti della Georgetown University si tassano per risarcire i discendenti degli schiavi >>>

Papa Francesco bacia i piedi ai leader del Sud Sudan: basta guerre >>>

Svolta sull'utero in affitto: “La madre adottiva va sempre riconosciuta” >>>

Accordo sul divorzio, Jeff Bezos versa alla moglie 36 miliardi di dollari >>>

Venezuela, l’Assemblea costituente revoca l’immunità a Guaidò >>>

Il cuoco emigrato a Londra: “Mi pagano il doppio e vince la meritocrazia” >>>