Notizie Locali Comunicati

"I Dimenticati Della E45": protesta contro il rinvio della riapertura al traffico pesante

"Stiamo lavorando per organizzare anche il presidio all'uscita dell'autostrada A1 di Arezzo"

Print Friendly and PDF

Assotir, l’associazione nazionale delle imprese di autotrasporto ha organizzato, con i camion degli autotrasportatori perugini aderenti all'Associazione, un TIR LUMACA per sabato 23 marzo per protestare contro l’ennesimo rinvio nella riapertura al traffico pesante della E45.

Assotir ci ha invitato a partecipare ed a prendere la parola al presidio conclusivo della manifestazione che partirà da Lidarno, arriverà all'uscita di Valsavignone e poi verso le 12,00 circa, convoglierà tutti i mezzi in presidio nel piazzale dell'area di sosta CI.PI.A di Sansepolcro direzione sud.

Si tratta di un’iniziativa cui, come comitato "i Dimenticati Della E45" non possiamo che esprimere il nostro sostegno e garantire il nostro appoggio in quanto si tratta di un’iniziativa che ribadisce come la questione della chiusura  dell’E45 non è soltanto una disgrazia per le imprese e per l’economia delle regioni e delle città attraversate da questa arteria, ma un problema che pesa sui costi di gran parte dell’autotrasporto nazionale e, quindi, per le tasche di chiunque produca o consumi merce e prodotti che hanno soltanto l’autotrasporto  come modalità di movimentazione.

Il comitato ovviamente sarà presente in massa al presidio, per ribadire con forza il proprio sdegno, soprattutto dopo che il ministro Toninelli aveva garantito la riapertura della strada anche ai mezzi pesanti entro 30 giorni, scaduti proprio in queste ore; mentre invece appare chiaro che, anche per le iniziative della magistratura, la riapertura del viadotto Puleto rischia di slittare ulteriormente di non poco tempo A tutt'oggi, peraltro, nulla è dato conoscere circa le intenzioni del Governo di indennizzare, come è già avvenuto per il territorio genovese colpito dalla tragedia del crollo del ponte Morandi, le imprese locali e gli operatori dell’autotrasporto costretti a subire mancati guadagni ed aumenti di costi operativi a causa delle deviazioni forzate che, in questi soli tre mesi, toccano ormai le migliaia di euro e che non possono essere certo considerati risolti dalle pur meritorie iniziative della Amministrazioni locali.

Il comitato è rimasto in religioso silenzio in queste settimane, proprio per dimostrare il profondo rispetto che abbiamo nei confronti delle istituzioni. Ma avevamo dichiarato altresì, che se alla scadenza dei 30 giorni nulla fosse cambiato, saremmo tornati a mobilitarci e così sarà.

La partecipazione alla protesta di sabato sarà solo l'inizio: stiamo già lavorando per organizzare il presidio all'uscita dell'autostrada A1 di Arezzo.

Redazione
© Riproduzione riservata
21/03/2019 14:49:18


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Tari agriturismi, anche l’Anci chiede ai Comuni di cambiare >>>

Basta buche: Anas investe 15 milioni di euro per le "statali" della Toscana >>>

“Non è tollerabile aspettare 7 mesi per un esame medico” >>>

Montevarchi, l'associazione carabinieri "arruolata" per il controllo del centro storico >>>

E45, proficuo incontro con il Procuratore di Arezzo >>>

Forza Italia: votata all’unanimità la mozione Apa per riportare la soprintendenza ad Arezzo >>>

Luca Secondi (Pd): occorre percorso nuovo per centro sinistra solidale >>>

“Ma il Pd di Umbertide ancora parla?” La risposta della Lega >>>

Tagli al trasporto pubblico umbro, sit-in dei lavoratori di Busitalia >>>

6App, la nuova app di Sei Toscana: 104 Comuni a portata di smartphone >>>