Notizie dal Mondo Attualità

Il cuoco emigrato a Londra: “Mi pagano il doppio e vince la meritocrazia”

Il viaggio dopo le esperienze nelle cucine stellate: “Non si cresceva mai, ho deciso di partire”

Print Friendly and PDF

Quando Enrico Carloni ha deciso di lasciare l’Italia in direzione Londra non è stato solo per necessità. Un lavoro a Milano lo aveva, ma la paga, le condizioni di lavoro e la mancanza di prospettive erano tali che sentiva di non farcela più. Eppure non ha lavorato in piccole realtà di provincia, anzi. «Ho studiato all’alberghiero e poi ho iniziato a fare gavetta nella pasticceria, riuscendo a lavorare in diversi ristoranti stellati. Sono stato anche da Moreno Cedroni e da Enrico Crippa ad Alba. Ma in Italia ti devi sempre accontentare, accettare di fare tante ore e straordinari non pagati. Poi ti accorgi che non c’è meritocrazia, anche se sei bravo ti tengono lì e se vuoi fare carriera devi aspettare il tuo momento che però non arriva mai. Oppure devi cercarti una raccomandazione ma io non volevo farlo, non mi piace. Certo da noi si impara tanto è vero, ma senti di non poter crescere», racconta. E così lui, originario di Senigallia, per poter crescere ha deciso di tentare a fortuna nel Regno Unito ed è partito senza certezze in tasca. «Ho deciso di andare a Londra per fare un’esperienza all’estero e imparare l’inglese. Sapevo che all’inizio non sarebbe stato facile adattarsi a un Paese e una lingua diversa, ma dal punto di vista lavorativo le cose mi sono andate bene da subito. Rispondendo ad annunci online e rivolgendomi ad agenzie in una settimana sono riuscito a fare 4 colloqui, e alla fine ho scelto l’offerta che mi sembrava la migliore».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
01/04/2019 21:55:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

La Svizzera dice sì a norme più severe sulle armi >>>

Usa, un repubblicano in Congresso chiede lʼimpeachment per Trump >>>

Alabama, il Senato approva legge contro lʼaborto >>>

Il Regno Unito pensa al colpo di spugna sui crimini militari commessi in guerra >>>

La Corte Ue: “I rifugiati non possono essere rimandati nei Paesi d’origine se rischiano la vita” >>>

Gli Usa rivedono i piani militari contro l’Iran >>>

La risposta di Rohani agli Usa, l’Iran riprende l’arricchimento dell’uranio >>>

Nato il Royal Baby: è un maschio e pesa 3,260 chili >>>

Facebook, il social diventa privato >>>

La giustizia italiana è la peggiore d’Europa: “Sempre più lenta e inefficiente” >>>