Notizie dal Mondo Cronaca

Rapito in Siria, Zanotti ai pm: “Venduto ad Al Qaeda dal mio tassista abusivo”

L’imprenditore tornato libero dopo tre anni di prigionia

Print Friendly and PDF

A 24 ore dalla sua liberazione vengono fugati dubbi e perplessità (ma non tutti): quello di Sergio Zanotti, imprenditore bresciano di 59 anni, è stato una sequestro in piena regola messo in atto da miliziani di Al Qaida che, per tre anni, lo hanno tenuto prigioniero nella zona di Aleppo, in Siria. Nessuna fuga volontaria o messa in scena per coprire problemi economici. La conferma arriva dopo che gli inquirenti hanno ascoltato per oltre tre ore Zanotti nella caserma del Ros in via Salaria, a Roma. Un confronto che chi indaga giudica «particolarmente utile a chiarire le modalità del sequestro», che apparivano complesse perché «mancavano testimonianze idonee a sgomberare i dubbi». Dubbi che in larga parte lo stesso imprenditore ha chiarito raccontando al procuratore aggiunto Francesco Caporale e al sostituto Sergio Colaiocco il suo «inferno» durato circa 36 mesi. Zanotti è apparso in buona salute ma molto provato psicologicamente al punto che l’atto istruttorio è stato interrotto varie volte per dargli la possibilità di trovare la forza e la lucidità di rispondere. «Tutto è iniziato a metà aprile del 2016 - ha esordito -. Ero senza lavoro, ho deciso di andare in Turchia, nella zona di Hatay a pochi chilometri dalla Siria, per cercare di acquistare dinari antichi da rivendere in Europa dove nel mercato della numismatica hanno un valore». 

L’imprenditore ha raggiunto la zona utilizzando degli autobus, ma il suo errore lo commette quando decide di dare fiducia a un tassista abusivo. «Sono salito a bordo dell’auto - ha raccontato - ma dopo poco sono stato `venduto´ ai miliziani. In due mi hanno narcotizzato e la sera del 14 aprile di tre anni fa mi sono risvegliato in una casupola nella zona di Aleppo». Di fatto, Zanotti è rimasto in quell’area per tutto il periodo del sequestro. «Ho cambiato circa 10 prigioni ma si trovavano, credo, tutte a poca distanza l’una dall’altra: i trasferimenti non erano lunghi, non ho mai incontrato altri sequestrati», ha aggiunto.

Durante il lungo periodo di prigionia i carcerieri lo hanno tratto «abbastanza bene», ha detto, spiegando di non essere mai stato tenuto sotto la minaccia di armi o in catene. «Me le hanno messe solo per girare i video postati su internet, come una sorta di fiction. In una giornata ho girato diversi video con cambi di abito e cambi di scenario», ha raccontato.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
07/04/2019 06:46:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Kabul, strage al matrimonio: 63 morti >>>

È morto Peter Fonda, il ribelle in moto in "Easy Rider" >>>

Col suo sangue freddo salva 233 persone: il pilota eroe russo che faceva l’avvocato >>>

La Corea del Nord ha effettuato due lanci di missili >>>

Malaysia, 15enne scomparsa è morta di fame >>>

Colpisce uno stormo di gabbiani, atterraggio d'emergenza per Airbus russo >>>

Tragedia in Croazia, imprenditore muore intossicato dentro la barca >>>

Norvegia, entra in una moschea e apre il fuoco: un ferito >>>

Usa, il finanziere Epstein si è suicidato in carcere >>>

Trump autorizza le bombe al cianuro contro gli animali selvatici: è polemica >>>