Notizie Locali Cronaca

Restano al loro posto i primari indagati nello scandalo della sanità a Perugia

Il commissario straordinario per ora non prende provvedimenti

Print Friendly and PDF

Continuano serrate le indagini relative allo scandalo della sanità all'interno della Regione Umbria ma per il momento restano al proprio posto i quattro primari indagati nell'ambito dell'inchiesta della Procura della Repubblica di Perugia sui concorsi truccati all'Azienda ospedaliera del Santa maria della Misericordia. Si tratta di Patrizia Mecocci (geriatria), Fabio Gori (anestesia 1), Vito Aldo Peduto (anestesia 2) e Simonetta Tesoro(anestesia 2), ritenuti dai magistrati responsabili a vario titolo di abuso e rivelazione di segreti d'ufficio. Al riguardo, il commissario straordinario dell'Azienda ospedaliera, Antonio Onnis, per ora non prende provvedimenti e spiega: "Non voglio entrare nel merito dell'inchiesta, se ci sono ombre saranno chiarite".

Redazione
© Riproduzione riservata
25/04/2019 13:40:14


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Trasportavano clandestini con le auto di lusso: coppia fermata ad Arezzo >>>

Trasportava surgelati ma col frigo spento: 835 chili di materiale sequestrato >>>

Lievi miglioramenti per il 71enne di Città di Castello colpito con un pugno >>>

Mortale a Castiglion del Lago, la vittima è un centauro di 37 anni >>>

Ciclista travolto da una vettura >>>

Perugia, controlli dopo i disordini nel centro storico. Pronta risposta dei carabinieri >>>

Minaccia di dare fuoco alla moglie per le chiavi dell'auto >>>

Arezzo, donna incinta colta da malore al parco: due ore in una panchina >>>

Stabili le condizioni del 56enne sangiustinese vittima di una caduta domestica >>>

Veicolo perde olio, chiuso poi riaperto il raccordo Arezzo-Battifolle >>>