Notizie dal Mondo Cronaca

Esplosione in una fabbrica di tritolo e munizioni in Russia, almeno 79 feriti

Quattro sono in gravi condizioni ma non in pericolo di vita

Print Friendly and PDF

Tre violente esplosioni hanno devastato un grande stabilimento russo per la produzione di tritolo e munizioni a Dzerzhinsk, 400 chilometri a est di Mosca. I feriti sono diverse decine. Le immagini pubblicate dai media locali mostrano un’immensa colonna di fumo grigio che si alza verso il cielo. L’ultimo bilancio è di 79 feriti, di cui 15 ricoverati in ospedale. Il ministero delle Situazioni di Emergenza sostiene che quattro versino in “gravi condizioni”, ma secondo le autorità sanitarie nessuno sarebbe in pericolo di vita. Poco dopo le deflagrazioni, il vice governatore della regione di Nizhny Novgorod, Dmitry Krasnov, aveva riferito che due persone risultavano disperse, ma la notizia è poi stata smentita dalla stessa Regione e Krasnov ha ammesso che “l’informazione non era stata confermata”. 

La fabbrica in parte distrutta dalle esplosioni si chiama Kristall, è stata fondata nel 1953 ed è di proprietà del colosso tecnologico statale russo Rostec. Le deflagrazioni e l’incendio che ne è scaturito hanno fatto a pezzi cinque edifici dello stabilimento: tre magazzini e due officine. Stando a una fonte dell’agenzia Interfax, nel dipartimento in cui si sono verificate le esplosioni si realizzavano bombe per aerei militari. Ma le autorità russe sostengono invece che in quell’ala dello stabilimento si producessero polimeri.

Le detonazioni sono state così forti da essere sentite a 15 chilometri di distanza e mandare in frantumi i vetri delle finestre di molti edifici della zona. In tutto sono circa 200 i palazzi danneggiati nel raggio di tre chilometri. Poi i vigili del fuoco hanno dovuto affrontare il rogo provocato dalle esplosioni. Le fiamme coprivano un’area di 1.200 metri quadrati e si erano propagate anche in un bosco vicino. All’inizio si temeva che potessero causare nuove deflagrazioni tra i magazzini della fabbrica, dove si custodiscono esplosivi e munizioni.

La città di Dzerzhinsk ha quindi istituito lo stato di emergenza nella zona del centro di produzione, mentre la procura ha aperto un’inchiesta su quanto avvenuto. Il sospetto è che siano state violate le norme di sicurezza sul lavoro. Lo stabilimento Kristall in serata ha annunciato che il suo direttore generale era stato sospeso appena il giorno prima dell’incidente per “sistematiche violazioni delle norme di sicurezza industriale”. Due mesi fa, il 4 aprile, un’altra esplosione aveva infatti distrutto completamente una delle officine della fabbrica, ma per fortuna senza provocare vittime.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
01/06/2019 21:25:02


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Maxi blackout in Argentina: milioni di persone al buio. Disagi anche in Uruguay >>>

Studente 14enne accoltella preside alla cerimonia dei diplomi >>>

Gli Usa pubblicano un video che accusa gli iraniani, ma l’armatore giapponese smentisce >>>

La polizia uccide un ragazzo afroamericano, a Memphis scoppia la guerriglia >>>

Due petroliere in fiamme nel Golfo dell’Oman: “Sono state colpite da siluri”. Salvo l’equipaggio >>>

Si chiude il processo agli indipendentisti catalani: chieste pene altissime >>>

Le Pen rinviata a giudizio per foto di esecuzioni >>>

Il Salvator Mundi di Leonardo riappare nello yacht di Mohammed bin Salman >>>

Stati Uniti, in Montana si rovescia un camion che trasportava 133 milioni di api >>>

Russia, cadono le accuse contro il reporter scomodo accusato di spaccio >>>