Notizie Locali Cronaca

Umbertide: 16 anni al marocchino accusato dell'incendio in cui morì un connazionale

I fatti avvenuti nel luglio del 2018: l'uomo dette fuoco a un capannone dopo un diverbio

Print Friendly and PDF

È stato condannato in primo grado a 16 anni di reclusione il 40enne marocchino accusato di aver appiccato l’incendio a un capannone (nella foto), provocando la morte di un connazionale di 55 anni con il quale aveva avuto un diverbio. La tragedia era avvenuta a Umbertide il 3 luglio dello scorso anno e il responsabile era stato subito arrestato. Al termine del processo tenutosi al tribunale di Perugia, il Pm Gemma Miliani aveva chiesto 27 anni per omicidio e incendio doloso; il giudice Valerio D’Andria ha invece stabilito – come già ricordato – una pena di 16 anni ed entro i prossimi 60 giorni depositerà le proprie motivazioni. Il 40enne condannato è difeso dagli avvocati Gabrio Giannini di Città di Castello e Guido Bacino di Foligno.

Redazione
© Riproduzione riservata
12/07/2019 15:58:56


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Cade dall'albero e precipita nella scarpata: trasferito a Firenze con il Pegaso >>>

Droga nascosta dentro la ruota di scorta: in manette un 45enne napoletano >>>

Bibbiena: centauro ricoverato in codice rosso dopo aver investito un pedone >>>

Sul Puleto si viaggia anche con i mezzi pesanti, ma non si lavora >>>

Cortona, auto fuori strada: ferita la conducente >>>

Torna il gran caldo: anche in Umbria temperature fino a 40 gradi >>>

San Giovanni Valdarno, donna investita: è grave >>>

Ambulante e spacciatore: in manette un 22enne di origine marocchina >>>

Scontro fra due auto a Bibbiena: lievi conseguenze per le persone coinvolte >>>

Concorsopoli: Maurizio Valorosi chiede il patteggiamento >>>