Opinionisti Monia Mariani

Rinunciare a curarsi

Dati che fanno impressione

Print Friendly and PDF

L'anno scorso tredici milioni di italiani hanno rinunciato a curarsi. Tra i fattori principali figurano  i «motivi economici» (10,9% dei casi) e le «lunghe liste di attesa» (9,8%) e infine, la mancanza di fiducia nel sistema sanitario della propria regione. In una famiglia su tre (34,3%) in Italia qualcuno quindi ha rinunciato a curarsi. È questo uno dei dati emersi dall’analisi dell’Ips, l’Indice di Performance Sanitaria, sviluppata per il terzo anno consecutivo dall’Istituto Demoskopika sulla base di otto indicatori tra cui la soddisfazione sui servizi sanitari, costi della politica e speranza di vita.

Ma dove ci si cura più volentieri?

In totale sono sei le realtà territoriali definite “sane”, nove le aree “influenzate” e cinque le regioni “malate”. 

 L’Emilia Romagna è la regione in testa per efficienza del sistema sanitario italiano, mentre Sicilia e Molise si collocano in coda tra le realtà “più malate” del paese. Crolla il Piemonte che finisce  nell’area delle regioni “influenzate”. Entrano, inoltre, nell’area delle realtà sanitarie d’eccellenza oltre a Marche e Veneto, anche la Toscana e l'Umbria. Meno male! Al Sud Puglia, Abruzzo e Basilicata migliorano la loro condizione lasciando l’area dei sistemi sanitari locali più sofferenti. La Calabria abbandona, l’ultima posizione tra le realtà “malate” collocandosi  al di sopra di Sicilia e Molise. Tra i 13,5 milioni di italiani, pari al 22,3%, che hanno rinunciato a curarsi, molti non hanno potuto però nemmeno affrontare i costi della migrazione sanitaria ritenuti troppo esosi. Un dramma vero e proprio. Se la gente non si cura neanche più c'è qualcosa che va oltre la crisi economica; una sorta di sofferenza psicologica, di pessimismo generale, di abbandono. E quando non viene più tutelato il diritto alla salute per tutti, specie le fasce più deboli, si minano le basi della nostra civiltà. Qualcosa su cui riflettere. 

 

 

 

Monia Mariani
© Riproduzione riservata
09/04/2018 08:53:32

Monia Mariani

Appassionata di scrittura e narrativa e, da sempre, interessata a tematiche sociali. Ha finora pubblicato tre romanzi biografici. Il Maestro (2008), ispirato alla vita del biturgense Gino Tarducci, La Leggenda di Zillone (2010) autobiografia dell’ex pugile professionista Pietro Besi, e La Tortuga (2013) ispirato alla vita del fiorentino Giacomo Papini, cercatore di diamanti in Venezuela. Sta lavorando ad altre storie da raccontare.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Monia Mariani

Meglio il sussidio che il lavoro >>>

Crescono le baby gang >>>

Il lavoro che non c’è >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Un servizio sanitario nazionale uguale per tutti >>>

Sos clima >>>

Poche donne al potere... >>>

Forse non tutti sanno... >>>

Genitori distratti >>>