Opinionisti Claudio Cherubini

“Ecco” la Willy Loman Big Band

L’opera di Miller è un capolavoro trasposto due volte sul grande schermo cinematografico

Print Friendly and PDF

Willy Loman non è mai esistito: è il personaggio del dramma di Arthur Miller “Morte di un commesso viaggiatore”, un personaggio che vive la sofferenza per una vita anonima, ossessionata dalla ricerca del successo come riconoscimento d’identità sociale. L’opera di Miller è un capolavoro trasposto due volte sul grande schermo cinematografico e molte volte sui palchi teatrali. Samuel Webster la fa rivivere sulla scena adattando la storia del personaggio alla sua esperienza emotiva attraverso uno spettacolo musicale intitolato “Ecco”. Ecco che allora si presenta sul palco con una maschera di uomo anziano alla ricerca di considerazione e comprensione da parte dei suoi simili, un anziano che si accorge che la sua vita si sta trasformando, che è sempre meno protagonista nella società e che il successo da sempre ricercato sta svanendo. Willy Loman di Miller si suiciderà, ma Willy Loman jr. invece sale sul palco nei panni di Samuel Webster e cerca una via di uscita nella musica, nelle emozioni: “C’è qualcosa di bello nel jazz tradizionale, ti riscalda l’anima. Quel pezzo ti fa sentire qualcosa, una felicità pericolosa…”. Sì, perché i sentimenti sono pericolosi, belli e brutti, portano felicità e tristezza, gioa e amarezza, ma per questo la vita è bella e interessante. Ecco che allora Webster si traveste da Loman: Willy Loman jr. suona il basso e non gli basta l’amico batterista e il chitarrista, ma ha bisogno di tanti amici, tanti musicisti che ci credono veramente e che non si arrendono. Sono le sfide della vita tra momenti di difficoltà e momenti di fiducia verso il futuro. Ecco che allora dopo un anno e mezzo di prove, dodici musicisti guidati dal loro direttore artistico Samuel Webster portano in scena “Ecco”, un grande spettacolo musicale per “parlare con il mondo” per “affermare la bruttezza e la bellezza del mondo” perché dice Willy Loman jr. “se le canzoni tradizionali possono farti sorridere una big band può farti ballare, Louis Armstrong mi ha insegnato a camminare, ma Buddy Rich e Glenn Miller quasi a spiccare il volo”.

"Willy Loman non ha mai fatto un sacco di soldi. Il suo nome non è mai finito sui giornali. Non è il più grande personaggio che abbia mai vissuto. Ma lui è comunque un essere umano e gli sta accadendo qualcosa di terribile. Quindi è necessario prestargli la nostra attenzione. Non deve essere lasciato cadere nella sua tomba come un vecchio cane abbandonato".

"Willy Loman non ha mai desiderato essere famoso, ma ogni persona sogna - almeno una volta nella vita - di essere un po' spettacolare".

La Willy Loman Big Band ha esordito il 7 dicembre scorso ad Anghiari e la seconda apparizione in pubblico è stata giovedì 17 maggio a San Giustino, dove quasi un centinaio di persone si sono godute la loro interessante performance.

I musicisti, per la maggior parte giovani o giovanissimi, molti dei quali con solidi studi (al liceo musicale di Arezzo e ai conservatori di Perugia e Firenze) hanno mostrato qualità e talento. Ecco i nomi. Sassofoni: Emanuele Caporali, Tiziana Fiorucci, Emanuele Pitari, Pino Morgia, Ruben Marzà. Trombe: Fabrizio Baldacci, Marco Marini, Marcello Buzzichini, Cesare Chieli. Chitarra elettrica: Matteo Manescalchi. Batteria: Niccolò Franchi. Basso: Samuel Webster.

Claudio Cherubini
© Riproduzione riservata
18/05/2018 15:01:21

Claudio Cherubini

Imprenditore e storico locale dell’economia del XIX e XX secolo. Collabora con vari periodici locali dal 1978. Ha pubblicato oltre trenta saggi storici su «Pagine Altotiberine», quadrimestrale dell'Associazione storica dell'Alta Valle del Tevere; altri articoli e saggi sono stati pubblicati in opere collettive e su altre riviste scientifiche. Ha tenuto diverse conferenze su temi di storia locale. Ha finora pubblicato due libri: nel 2003 "Terra d’imprenditori" e nel 2016 "Una storia in disparte. Il lavoro delle donne e la prima industrializzazione a Sansepolcro e in Valtiberina toscana (1861-1940)". Nel 2017 ha curato la mostra e il catalogo "190 anni di Buitoni. 1827-2017" e ha organizzato un ciclo di conferenze sulla storia del pastificio di Sansepolcro con i più autorevoli studiosi universitari della Buitoni.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Claudio Cherubini

Siberia in fiamme >>>

Non mi abbandonare >>>

Un mestiere scomparso: il sensale >>>

Chi è più fascista? >>>

In vino veritas >>>

Cent’anni fa passava la Spagnola >>>

I cambiamenti economici a Sansepolcro >>>

Vino valtiberino? Scadente, ma abbondante >>>

Pugni chiusi: un Sessantotto di periferia? >>>

La vite e la coltura promiscua >>>