Notizie Locali Economia

Pecorino Toscano DOP, Regione a fianco del Consorzio per potenziare tutta la filiera

Puntare a potenziare la filiera e migliorare gli aspetti qualitativi e quantitativi

Print Friendly and PDF

Dati economici 2018 e prima edizione di ‘Caseifici aperti'. Sono stati questi gli argomenti al centro della conferenza stampa organizzata da Regione e Consorzio Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP che si è tenuta oggi a Palazzo Strozzi Sacrati. Sono intervenuti l'assessore regionale ad agricoltura e foreste e presidente e direttore del Consorzio.

L'assessore, commentando i dati 2018 del Consorzio, ha spiegato che l'andamento positivo sui mercati esteri del pregiato formaggio toscano (+25% dell'export) conferma che la scelta di valorizzarne la qualità, la certezza del prodotto e la tracciabilità si è rivelata positiva. L'assessore ha poi spiegato che, riguardo al saldo negativo registrato nel mercato interno (-13%), ha pesato soprattutto l'immissione di ingenti quantità di pecorino romano a causa del surplus di produzione di latte sardo. Tuttavia ha aggiunto che la Toscana, grazie agli interventi adottati a tutela degli allevatori e che puntano a potenziare tutta la filiera, a migliorare gli aspetti qualitativi e quantitativi della produzione e a promuovere con forza le specificità del formaggio toscano, conta di ottenere una crescita ulteriore sul mercato estero ed un assestamento su quello interno.

‘Caseifici aperti', ha aggiunto l'assessore, è un'iniziativa assolutamente da promuovere con forza perché, sulla scia di altre analoghe riguardanti filiere agroalimentari di grande importanza per la Toscana, permette a tante persone di vedere con i propri occhi come si arriva ad un prodotto finito di eccellenza. Come per l'olio o il vino, anche per il pecorino non c'è niente da nascondere ma tutto da vedere.

Interpellato sul problema annoso delle predazioni, l'assessore ha quindi spiegato che la Toscana non è d'accordo con il piano lupo presentato dal governo e che vorrebbe individuare un'iniziativa di raccordo allevatori-regione-governo-commissione europea per dare una risposta al problema. Poi ha concluso ribadendo che la Toscana ha come unico interesse la salvaguardia degli allevamenti e della sicurezza dei cittadini, certamente non quello di abbattere lupi, a meno che non sia inevitabile. Quindi ha lanciato un provocatorio invito ad agire quanto prima a chi fosse in grado di catturarli e spostarli in altre zone dove non creino contrasto all'attività umana, garantendo per questo la collaborazione della Regione.

Redazione
© Riproduzione riservata
29/05/2019 05:32:10


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Coldiretti “accordo di filiera con Fabianelli per la pasta Made in Valdichiana” >>>

A Brunello Cucinelli il premio America 2019 >>>

Troppi rischi nei luoghi di lavoro >>>

Toscana del sud: decisivo fare sistema per rilanciare l’economia dei territori >>>

Quattro ristoranti della provincia di Arezzo inseriti tra i migliori d'Italia >>>

Sicuritalia acquisisce le attività di Securpol su Arezzo >>>

Per una guerra fra colossi dei cieli, ne fanno le spese piccole aziende a conduzione famigliare >>>

CloudItalia: nessun lavoratore in esubero ma la sede di Arezzo è a rischio >>>

Variante della Maialina, il no della Confcommercio Arezzo >>>

Da Bnl Gruppo Bnp Paribas, un “Positive Loan” ad Aboca per sostenere business e sostenibilità >>>