Notizie Nazionali Cronaca

Furto di magliette a Milano, il giudice: l’arresto di Marco Carta è illegittimo

Il racconto dell’imputato «non è allo stato scalfito da alcun elemento probatorio contrario»

Print Friendly and PDF

Quello di Marco Carta, il cantante vincitore di Amici e Sanremo 2009, bloccato il 31 maggio per un furto di magliette alla Rinascente di piazza Duomo a Milano, fu un arresto che «non può ritenersi legittimo», basato su «elementi di sospetto» del tutto «eterei, inconsistenti», come il racconto dell’addetto alla sicurezza del grande magazzino che in realtà non ha mai visto i vestiti che finivano nella borsa dell’amica del cantante, né sentito la «rottura delle placche antitaccheggio». Lo scrive il giudice di Milano Stefano Caramellino nell’ordinanza, il cui testo è emerso solo oggi, con cui lo scorso 1 giugno non ha convalidato l’arresto della Polizia locale disposto a carico di Carta, difeso dal legale Simone Ciro Giordano (il pm Nicola Rossato chiese la convalida), convalidando, invece, quello dell’amica che era con lui, un’infermiera sarda di 53 anni. Per entrambi, comunque, il processo per furto inizierà il prossimo 20 settembre. 

Il magistrato, spiegando che la «versione degli imputati non è allo stato scalfita da alcun elemento probatorio contrario» e che gli «operanti che hanno provveduto all’arresto non hanno visto alcunché dell’azione asseritamente furtiva», parla di «carenza di gravità indiziaria» nei confronti del cantante. Il furto, secondo il giudice, sarebbe stato commesso dall’amica e lui era «semplicemente in sua compagnia».

Per il giudice «l’unico teste oculare», ossia il vigilante, «ha descritto un comportamento anteriore» di Carta e dell’amica «che ha giudicato sospetto», ma «è normale che due acquirenti si guardino spesso attorno all’interno di un esercizio commerciale» e l’ipotesi che «essi stessero controllando se erano seguiti» dai dipendenti «è formulata in modo del tutto ipotetico e vago». In più, anche il fatto che si siano recati in un piano diverso per provare le magliette «è compatibile con il proposito di trovare un camerino di prova libero», dato che «grande era l’affollamento» quella sera. Per il giudice, inoltre, «il fatto che lo sguardo dell’addetto alla vigilanza non sia stato fisso sui due arrestati è riscontrato dal fatto che neanche lui ha affermato di avere visto l’inserimento degli abiti nella borsa», né ha «precisato in mano a chi fosse la borsa dopo che era stata appoggiata nel `camerino´», né ha affermato «di aver sentito alcun rumore compatibile con la rottura delle placche antitaccheggio».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
11/06/2019 05:47:33


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Bimbo di 2 anni figlio di vegani ricoverato per denutrizione a Nuoro >>>

Roma, picchiano e prendono a bastonate migrante: presi due giovani >>>

Roma, autista di un autobus picchiato da otto ragazzi dopo averli rimproverati >>>

Emma Marrone si deve fermare: "Un problema di salute, ma tornerò più forte di prima" >>>

Leopolda, indagato il presidente della Fondazione che finanziava Renzi >>>

Papà dimentica il figlio in auto: bimbo di due anni morto a Catania >>>

Empoli, è Nello il primo cane a far visita al suo padrone in terapia intensiva >>>

Venezia, motoscafo in gara offshore contro diga: tre morti >>>

Autobus fuori strada nel Pescarese, trenta passeggeri feriti >>>

Napoli, 27enne sequestra figlia per 12 ore e violenta lʼex compagna >>>