Notizie Locali Comunicati

Loculi e tombe in stato di abbandono e incuria: degrado nei cimiteri del Comune di Arezzo

I consiglieri Cornacchini e Rossi (Forza Italia): “Segnalazione al presidente di Multiservizi"

Print Friendly and PDF

Alla pagina Facebook Arezzo nel cuore – Contro i cialtroni sono arrivate in questi giorni svariate segnalazioni di degrado, incuria, cattivo stato di conservazione dei manufatti e presenza di erbacce presso alcuni cimiteri del nostro Comune. Lo rivela la consigliera comunale Meri Stella Cornacchini (Forza Italia).

Sono state così documentate gravi situazioni che mettono in evidenza la mancanza di rispetto dei luoghi sacri di culto e della memoria dei defunti. Molti loculi e tombe si presentano in stato di abbandono, alcune cappelle private versano in condizioni precarie di manutenzione e numerose sepolture a terra sono caratterizzate dalla presenza di erba alta, piante, cespugli e piccole alberature, che in alcuni casi costituiscono anche un ostacolo per il passaggio tra le varie tombe e gli spazi circostanti: un colpo d’occhio niente affatto decoroso e che svilisce il riguardo che sarebbe dovuto ai cari estinti.

“Abbiamo immediatamente inoltrato queste rimostranze al presidente di Multiservizi, Luca Amendola, – ha spiegato Cornacchini – il quale ci ha fornito una pronta risposta, spiegando che gli eredi (concessionari) hanno il dovere di provvedere alla cura ordinaria della tomba, mentre grava sul Comune solo la manutenzione straordinaria legata ai lavori più rilevanti, dal rifacimento delle coperture all’intonaco.

I concessionari e i successori devono quindi farsi carico per tutto il tempo della concessione della manutenzione ordinaria e straordinaria delle eventuali opere aggiuntive che l'amministrazione ritiene indispensabili o anche solo opportune per ragioni di decoro, di sicurezza o di igiene. Quindi, con grande disponibilità, pur facendoci presente che non è compito di Multiservizi, il presidente ha assegnato ai propri dipendenti il compito di rimuovere il degrado delle aree segnalate, con particolare riferimento al cimitero principale cittadino e a quello di Santa Firmina”.

“Ringraziamo il presidente Amendola per la grande sensibilità dimostrata – aggiunge il consigliere comunale Angelo Rossi (Forza Italia) – ma siamo consapevoli che non sempre sono possibili interventi di questo tipo, il cui costo, a causa delle negligenze dei singoli, ricade sull’intera collettività. Quindi, oltre a invitare tutti i cittadini ad avere a cuore i propri cari, riteniamo che se non si rispettano le regole, il Comune dovrà trovare uno strumento, attualmente mancante, per intervenire forzosamente e con sanzioni amministrative, laddove ci siano condizioni di degrado che non possono essere tollerate. Riteniamo anche opportuno l’inserimento di una norma specifica all’interno del Regolamento comunale di Polizia Mortuaria e per questo stiamo preparando una mozione che presenteremo al prossimo consiglio”.

Redazione
© Riproduzione riservata
19/08/2019 12:14:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Ciclovia dell'Arno, Ceccarelli inaugura a Stia il 'tratto della sorgente' >>>

Secondo Ponte sul Tevere a Sansepolcro: Forza Italia vuole chiarezza >>>

A Città di Castello aumenta la raccolta differenziata e diminuiscono i costi per le famiglie >>>

Piogge intense e temporali, è allerta meteo arancione in tutta la Toscana >>>

Le politiche sociali in Umbria non appartengono alla sinistra >>>

Il Gruppo PD-InComune propone: Sansepolcro Plastic Free >>>

Bardelli: Giusto rilanciare l’appello del Polo Universitario Aretino >>>

Allarme vespa velutina anche in Toscana >>>

Salutati i 3 Vice Brigadieri dei Carabinieri che lasciano la stazione di Castiglion Fiorentino >>>

Il dottor Ennio Duranti aderisce a "Cambiamo con Toti" di Arezzo >>>