Notizie Locali Attualità

I lavori sulla ex Tiberina 3 bis non partono e Marcelli incontra l'Anas

"Dobbiamo dare un'accelerata", dice il sindaco di Pieve Santo Stefano

Print Friendly and PDF

Perché i lavori di ripristino dei quasi cinque chilometri di vecchia statale 3 bis Tiberina, da Valsavignone di Pieve Santo Stefano a Canili di Verghereto, non sono ancora partiti? Semplice: perché non sussistendo gli estremi dell’emergenza o dell’eccezionalità, il progetto segue un iter “normale” con i suoi tempi tecnici e burocratici. E dire che a fine giugno si sarebbe dovuto cominciare a mettere mano alla questione con l’apertura del cantiere! Come noto, a spezzare in due la E45 con la chiusura del viadotto Puleto (che tuttora è in vigore per i mezzi con peso a pieno carico superiore alle 30 tonnellate) ha concorso anche questo breve ma disastrato tratto di strada, abbandonato da oltre vent’anni, che si trova proprio in corrispondenza del Puleto e che non garantisce una viabilità alternativa a quella della quattro corsie. A Bagno di Romagna, la questione è finita sugli scranni consiliari con l’interrogazione presentata da uno dei gruppi di minoranza, alla quale il sindaco Marco Baccini ha risposto esprimendo la preoccupazione dell’amministrazione: “E’ inaccettabile – ha detto – che i lavori siano stati rinviati a causa delle richieste di approfondimenti archeologici da parte della Soprintendenza”. Ma vi sono anche quelli di natura idrogeologica e altro, sui quali si continua a produrre documentazioni su documentazioni. Sul versante toscano di Pieve Santo Stefano, peraltro ancor più direttamente interessato perché la strada si trova proprio in questo territorio, il sindaco Claudio Marcelli condivide in pieno le perplessità del collega dell’Alto Savio: “Per la prossima settimana – sottolinea il primo cittadino pievano – ho fissato un incontro con uno dei responsabili di Anas che si occupano del progetto di risistemazione della vecchia 3 bis a nord di Valsavignone. Come amministrazione comunale, vogliamo dare un’accelerata all’iter di realizzazione degli interventi, anche se mi rendo conto che – non essendovi alla base alcuna dichiarazione di emergenza, ma soltanto il carattere di ordinarietà – tutto diventa più lento, quando invece occorre darsi una mossa. Valuteremo allora con attenzione se vi siano particolari prerogative per giustificare l’eccezionalità del caso e quindi per sbloccare al più presto una situazione divenuta oramai insostenibile”.        

 

 

 

Redazione
© Riproduzione riservata
23/08/2019 09:00:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Picchia la figlia 14enne, ai domiciliari un artigiano della Valtiberina >>>

A Città Castello quasi l'80% dei cittadini usa la bicicletta >>>

Diga di Montedoglio: "sicurezza" la parola chiave della tavola rotonda >>>

Montedoglio: servire anche le zone più marginali della vallata, dice Letizia Michelini >>>

Sansepolcro, stamani la tavola rotonda sul futuro della diga di Montedoglio >>>

Lavori al viadotto Tevere IV sulla E45: chiusure il sabato notte >>>

Cresce in Umbria la raccolta differenziata dei rifiuti >>>

Il Tribunale di Arezzo vicino al collasso >>>

Ospiti "vip" alle Feste del Palio invitati dalla Tratos di Pieve Santo Stefano >>>

Bettarelli ai Musei Capitolini dove è esposto il San Sebastiano di Signorelli >>>