Notizie Locali Comunicati

Arezzo rischia la zona rossa, Tanti: "Sono giorni decisivi per evitarla"

"È tempo di responsabilità e non delle polemiche strumentali", aggiunge il vicesindaco

Print Friendly and PDF

“Dopo avere preso atto della solita ridda di polemiche e critiche di mero contenuto politico, giusto per tenere un atteggiamento pregiudiziale contro questa amministrazione, mi piacerebbe sviluppare un ragionamento su due temi importanti partendo dai dati oggettivi e dai provvedimenti regionali: i test sierologici e la chiusura, non delle scuole giusto per precisare, ma dell’attività didattica in presenza.

Partiamo dal primo punto: con la delibera numero 61 del primo febbraio scorso la Regione Toscana ha deliberato le linee di indirizzo per massimizzare le azioni di prevenzione con l’utilizzo, guarda caso, dei test rapidi e sierologici, affidati anche a soggetti privati come le farmacie. La definirei una bella notizia, nonché un provvedimento sollecitato dal sindaco Alessandro Ghinelli già dal mese di novembre. Per noi la prevenzione è strategica e siamo veramente soddisfatti di questa delibera che conferma la bontà di attivare, accanto al rapido, anche il test sierologico, quello da noi incentivato fin dall’autunno scorso. Restando sempre sintonizzati sulla linea dell’operatività, metteremo adesso a disposizione il suolo pubblico per installare le strutture adatte ai test nonché l’utilizzo gratuito dell’allaccio alla rete comunale per quanto concerne il consumo di elettricità.

Capitolo scuole: con la presa di posizione del presidente della Regione Veneto, che segue quelle di Emilia Romagna, Campania e Calabria, abbiamo un quadro completo, politicamente e geograficamente, delle regioni italiane che, basandosi su dati oggettivi, indispensabili per un’analisi trasversale, sostengono la necessità di prendere provvedimenti che coinvolgano le scuole per fermare la diffusione del virus. Se si adotta un’ordinanza come quella del sindaco Ghinelli del 27 febbraio, quindi, non lo si fa a cuor leggero. Anzi. La si prende solo perché ci sono indicazioni scientifiche e sanitarie che impongono di mettere in sicurezza i ragazzi e le loro famiglie. Ricordo che dal 21 al 28 febbraio Arezzo ha avuto 367 nuovi contagi e il comitato tecnico-scientifico indica in 250 il tetto oltre il quale valutare con urgenza l’interruzione della didattica in presenza. Avevamo dunque superato di gran lunga la soglia. Sono giorni decisivi per evitare di diventare zona rossa anche qualora la Toscana resti arancione: da qui le scelte rapide e robuste per evitarlo”.

Redazione
© Riproduzione riservata
02/03/2021 16:16:52


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

“Curva del contagio discendente: circa 200 gli attuali positivi a Città di Castello” >>>

Approvato dal Consiglio Comunale di Umbertide il bilancio di previsione 2021-2023 >>>

Successo per la campagna vaccinale di Croce Rossa e Circolo Velico a Città di Castello >>>

Ex Fcu: accolti gli emendamenti del consigliere umbro Bettarelli >>>

Apertura il primo maggio, Confesercenti Arezzo ci sta! >>>

“La Toscana resta la peggior regione ad aver completato il ciclo vaccinale agli over 80" >>>

Pacchetto Scuola a Sansepolcro, aperti i termini per le domande >>>

E45, lavori nella galleria di Verghereto: l'Anas pubblica il bando >>>

Primario alla Fratta: "Casucci non racconti storie", dicono Ceccarelli e De Robertis >>>

San Valentino, Ceccarelli: “Riparare al danno subito dai ristoratori” >>>