Notizie Locali Comunicati

Pd Anghiari: allarme per il Liceo Artistico

Le iscrizioni 2018/2019 non sono state sufficienti a far partire una prima classe,

Print Friendly and PDF

Nonostante l'annessione al convitto nazionale di Arezzo e soprattutto, da quest’anno, la possibilità di utilizzare il bellissimo Palazzo Testi ubicato a due passi dalla scuola nel centro storico di Anghiari, le iscrizioni 2018/2019 non sono state sufficienti a far partire una prima classe, anzi si è avuto un record negativo che ha visto, sembra, tre sole iscrizioni. Se questi dati saranno ufficialmente confermati, c'è di che preoccuparsi; non solo non c’è una classe prima, ma se il problema dovesse ripresentarsi l'anno prossimo, quando entrerà nel triennio l'attuale seconda che al momento è l'unica classe attiva, la scuola di Anghiari chiuderà i battenti. In due diversi comunicati stampa, a ottobre e a giugno, abbiamo richiamato l'attenzione sulla scuola e chiesto all'amministrazione anghiarese di avere informazioni più precise, di conoscere lo stato dell'arte e verificare il progetto complessivo di valorizzazione e promozione del prestigioso e storico Istituto d'arte di Anghiari. Siamo consapevoli, infatti, che con la novità dell’istituzione del convitto, ottima occasione di rilancio, le azioni da mettere in campo dovessero essere di tutt’altro tipo rispetto a quanto fatto negli anni precedenti. Difronte ad un bacino di utenze totalmente diverso si doveva passare dalle piccole strategie messe in atto sul territorio, apparentemente anche con scarsa convinzione, ad un vero progetto di rilancio, una nuova proposta di qualità da promuovere con mezzi adeguati. Di fatto non c’è stato una informazione adeguata, nei tempi e nei luoghi più opportuni ed è mancata la convinzione e la chiarezza necessarie a divulgare questa nuova opportunità per gli studenti e conseguentemente per l’istituzione scolastica stessa. Segnaliamo oggi l’occasione persa e a questo punto l’urgenza di osare di più, con un maggiore investimento economico e qualitativo nella proposta e nella comunicazione, con l'ambizione di rivolgersi all'intero territorio nazionale. Come si possono riaccendere i riflettori su una scuola di eccellenza della progettazione e restauro dell’arredo ligneo, oggi anche liuteria, rivolgendosi a tutti i potenziali interessati almeno sul territorio nazionale? Invitiamo chi legge a fare personalmente alcune ricerche e verifiche sui mezzi messi in campo. Senza intenzione di fare inutili polemiche, la nostra intenzione è di lanciare un allarme e segnalare l'emergenza in corso, chiedere che si lavori da subito e con maggiore convinzione ad una nuova progettualità per la scuola di Anghiari, legata indissolubilmente alla storia e alla tradizione culturale e artigianale del nostro territorio.

Redazione
© Riproduzione riservata
14/09/2018 18:28:13


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Polittico della Misericordia in Russia, il sindaco Cornioli fa chiarezza >>>

Rifondazione Perugia: rifiuti, occorre pianificazione regionale e ripubblicizzazione >>>

Città di Castello: un libro sulla Muzi-Betti >>>

“Quanto erano belli gli anni Sessanta", il nuovo libro di Ugo Russo >>>

La nuova sede per la Polizia Municipale di Arezzo >>>

Criticità nel reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale San Donato di Arezzo >>>

Bibbiena, i resti mortali di Dori riportati a casa dai nipoti >>>

Decoro urbano a Città di Castello, mozione della Lega >>>

E78, no a soluzioni pastrocchio che deturpano il territorio di San Giustino >>>

Sansepolcro, nuova asta per un terreno nella zona industriale di Santafiora >>>