Notizie Locali Eventi

Sansepolcro celebra oggi il suo figlio più illustre, Piero della Francesca

Anniversario numero 526 della sua morte: timbratura con annullo postale

Print Friendly and PDF

Celebrazione con tanto di timbro… postale. E’ il giorno nel quale Sansepolcro ricorda il suo cittadino più illustre di sempre: Piero della Francesca, morto proprio lo stesso giorno della scoperta dell’America, il 12 ottobre 1492. L’anniversario numero 526 registra un programma più ricco del solito, che alle 15 odierne – nella sala consiliare di Palazzo delle Laudi – comprende anche la presentazione e la cerimonia della timbratura con annullo speciale della litografia che rende omaggio alla Resurrezione, uno dei principali capolavori di Piero, che è diventato con il tempo il simbolo sia della città che della festività della Pasqua. L’iniziativa è stata presa dall’amministrazione biturgense in collaborazione con Poste Italiane all’indomani della delicata ma eccezionale operazione di restauro durata tre anni esatti. L’atto iniziale di questa speciale giornata, alle 11 sempre in sala consiliare, è tuttavia costituito – da oltre venti anni – dalla consegna del premio intitolato alla prima grande figura nella storia della città, antecedente anche a Piero: Dionisio Roberti, o Dionigi da Borgo Sansepolcro, padre agostiniano, teologo e punto di riferimento della letteratura italiana fra medioevo e umanesimo, nonché amico di Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio. Il Dionisio Roberti è un riconoscimento che viene assegnato ogni anno ai ragazzi che hanno conseguito la votazione di 9 e 10 in terza media e di 100 e 100 e lode agli esami di maturità: quest’anno sono in totale 66. Il premio consiste in una carta nominativa precaricata aperta alla Banca di Anghiari e Stia, che da sempre compartecipa alla realizzazione dell’evento con il sostegno della Fondazione “Marco Gennaioli” onlus. A tutti i premiati sarà inoltre consegnato un attestato di merito da parte dell’amministrazione comunale. Alle 17, le celebrazioni si sposteranno al vicino cinema Nuova Aurora, dove è prevista la proiezione del documentario “La pittura più bella del mondo”, un racconto a cura dello storico dell’arte Tomaso Montanari e diretto da Luca Criscenti. Domani alle 10, lo stesso video verrà nuovamente proposto agli studenti delle scuole del territorio comunale. Gran finale alle 21.15 al Museo Civico con il concerto nella Sala della Resurrezione intitolato “Surrexit Sicut Dixit – Voci dalla Terra di Piero nello dodicesimo die di Octobre”. L’evento, a cura dei Cantori del Borgo e di Cantus Ensemble Vocale di Arezzo, è diretto da Silvia Vajente con la partecipazione di Saverio Zacchei al trombone barocco. Ingresso libero solo ed esclusivamente su prenotazione da effettuare presso al museo.

Redazione
© Riproduzione riservata
11/10/2018 22:07:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Mercatini di Natale ad Arezzo, si preannuncia un altro week end da ricordare >>>

Luca Agnelli porta Arezzo nell’olimpo della musica techno >>>

“O Notte Splendida”: il concerto nella chiesa Arcipretale di San Giustino >>>

Sansepolcro con tanti palloncini: arriva il “Christmas Colors” >>>

Dal Rotary Club Arezzo un premio alle eccellenze giovanili della città >>>

San Giustino, fervono i preparativi per il Presepe Vivente a Castello Bufalini >>>

Sansepolcro, quelli del '59 si ritrovano in 59 per festeggiare >>>

Spello tutto esaurito per gli eventi natalizi >>>

Arezzo Città del Natale, vince e convince ma è già tempo di pensare al futuro >>>

Sansepolcro, scenario egizio per il presepe di Porta Romana >>>