Opinionisti Giorgio Ciofini

Il Bob: Lo scansano tutti come la peste bubbonica

C’è chi medita di farlo fuori per rilanciare l’abbigliamento aretino in crisi

Print Friendly and PDF

Veste i morti. Di primo acchito pare ‘n bobby senza l’Inghilterra, o un di que’ canini ‘n po’ tracagnotti di pelo corto e cià du’ palpebre che, per tirarle ‘n su, gli ci vole l’avvolgibile. Bazzica quasi sempre a’la Misericordia, ma ruma dappertutto al giro per ‘Rezzo, fiuta il vento che qui è libero come l’abitanti e tira ‘n do’ gli pare. Il Bob è sconfinato nel terzo millennio da’la Fraternita dei Laici, anche s’è sempre vistito de nero com’un prete. Ma questo è dovuto al su’ lavoro misericordioso, ‘n do’ non è il caso de vistisse arcobaleno.  Storico vessillifero del Saracino, al massimo e proprio pe’ le feste comandate, si mette in giallo cremisi o ‘n viola, com’i preti la quaresima e l’amalati della Fiorentina. Ma il Bob non è mai andato a ‘na partita, perché se more anche di domenica e non si può passar ne l’altra vita ‘gnudi come la mamma cià fatto. Almeno, grazie al Bob, si parte tutti ‘ngravattati co’ la muta bona e così si fa ‘n figurone anche a l’altro mondo. Come si dice l’abito non fa ‘l monaco, ma aiuta anche nell’al di là. Il Bob ti rifa ‘l trucco e anche il naso o una mammella a le patite della chirurgia estetica, ch’hanno espresso ‘l desiderio di presentasse in perfetta forma al Giudice Supremo. Le rifatte son convinte ch’anche Lui non resisterà al loro fascino! A tutti e a tutte pensa il Bob, dopo l’estremo saluto. Sta a la Misericordia da quasi mezzo secolo, ma è armasto sempr’uguale spiccicato, anche di statura. Praticamente i mezzi di quelli che sono viti al cimitero, l’ha vistiti tutti il Bob e quelli che non ci sono ancora andati, quando lo vedono, si toccano come quando s’aveva diciott’anni e co’ le donne unn’se batteva chiodo. Ma finchè si vede il Bob a la Misericordia, se pole star tranquilli com’i ragni. N’ha vistito più de Litrico, de la Gina e dello spaccio Lebole e lavora quanto ‘n cinese. A’ Rezzo, oramai, non si vende più ‘n vistito manco coi saldi e i negozi d’abbigliamento chiudon tutti a raffica. C’è entrata la moria come ‘n Arno e il Bob ci sguazza com’i pesci rossi, anche s’è sempre nero com’un prete. Ma ora la Lapini, per rilanciare l’abbigliamento aretino ‘n crisi nera, sapete che vol fare? Vol vistire il Bob!    

Redazione
© Riproduzione riservata
15/10/2018 18:12:59

Giorgio Ciofini

Giorgio Ciofini è un giornalista laureato in lettere e filosofia, ha collaborato con Teletruria, la Nazione e il Corriere di Arezzo, è stato direttore della Biblioteca e del Museo dell'Accademia Etrusca di Cortona e della Biblioteca Città di Arezzo. E' stato direttore responsabile di varie riviste con carattere culturale, politico e sportivo. Ha pubblicato il Can da l'Agli, il Can di Betto e il Can de’ Svizzeri, in collaborazione con Vittorio Beoni, la Nostra Giostra e il Palio dell'Assunto.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Giorgio Ciofini

Il Bob: Lo scansano tutti come la peste bubbonica >>>

Gragnone vor ever >>>

Gigi Alberti: Pende verso la Valtiberina come il Cerfone >>>

Enrico Bondi: un ragazzo di Culcitrone >>>

Dal Castigli allo Scala >>>

Che fin’ha fatto ‘l Marconi? >>>

Democraticamente razzisti >>>

Birigo: un grande personaggio di Arezzo >>>

Ritratto di Aldo Ducci >>>

“Qui non di vende un c…parlando ‘n francese” >>>