Notizie dal Mondo Attualità

Pedaggi autostradali, l’Europa introduce il principio “chi inquina, paga”

Approvato un progetto su una tariffazione stradale basata sulla distanza e non sul tempo

Print Friendly and PDF

L’Europarlamento ha approvato un progetto di direttiva che stabilisce che i Paesi dell’UE che oggi impongono una tariffazione stradale basata sul tempo dovranno passare a quella basata sulla distanza, sulla base del principio che “chi inquina paga”. L’obiettivo è quello far saldare il conto a chi consuma l’asfalto ed emette gas nocivi. Il dispositivo, che di fatto riprende la bozza della Commissione Europea (e non le successive e più restrittive modifiche adottate dalla Commissione Trasporti), dovrà poi venire “mediato” con il Consiglio d’Europa e gli stati membri. Il nuovo sistema di tariffazione non riguarda le automobili, che inizialmente rientravano nel documento.  

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
27/10/2018 21:14:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Il sindaco donna di Città del Messico sfida machismo e narcotraffico >>>

Gilet gialli una “catastrofe”, Macron pronto a cambiare rotta: “Ho fatto cavolate” >>>

La svolta di Macron: placare i gilet gialli con la patrimoniale >>>

La Commissione Ue: “Se l’Italia ritarda sulla Tav dovrà restituire i fondi già presi” >>>

Riscaldamento del pianeta, “minaccia per l’umanità mai così grave” >>>

Mondiale di scacchi, vince ancora Magnus Carlsen >>>

Nate in Cina le prime due bambine geneticamente modificate >>>

Brexit, i 27 Paesi Ue approvano l'accordo di divorzio da Londra >>>

L’allarme dell’Onu: “I gas serra continuano a crescere, nuovo record” >>>

La Cina autorizza l'attracco della portaerei e di tre navi Usa >>>