Notizie Locali Politica

Controllo del Vicinato: aumentano i gruppi di cittadini attivi nel Comune di Bagno di Romagna

Altri gruppi si stanno costituendo anche nei borghi periferici

Print Friendly and PDF

Il progetto di “Controllo del Vicinato” è un modello radicato tra i cittadini del Comune di Bagno di Romagna e continua progressivamente ad espandersi ricevendo la partecipazione di nuovi gruppi di residenti.

L’Amministrazione di Bagno di Romagna è stata tra i precursori nel territorio della Provincia di questo sistema di controllo, che ha conosciuto varie fasi di riconoscimento ed espansione, con un percorso organizzativo iniziato nel 2015.

Avviato nel 2015, il progetto è stato poi oggetto di un Protocollo d’Intesa tra l’Amministrazione Comunale e la riconosciuta Associazione del Controllo del Vicinato, a seguito del quale la Polizia Municipale, coordinata dalla coordinata dalla dott.ssa Tina Valbruzzi, ha curato l’attività di raccolta delle adesioni dei cittadini, che hanno costituito e formalizzato 4 gruppi di controllo, di cui 3 nel centro abitato di San Piero in Bagno ed 1 nel centro abitato di Bagno di Romagna, con un coinvolgimento iniziale di 60 cittadini.

Il 7 aprile 2017 il progetto di “Controllo del Vicinato” del Comune di Bagno di Romagna è stato poi oggetto di un riconoscimento istituzionale con il Protocollo d’Intesa tra l’Amministrazione Comunale, la Prefettura, le Forze dell’Ordine facenti parte del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza, che ne ha sancito il riconoscimento quale modello organizzativo di supporto alle attività istituzionali delle Forze di Polizia, definendo gli impegni reciproci per promuoverne lo sviluppo e l’operatività.

L’espansione e il radicamento del progetto è continuata progressivamente, tanto che nei giorni scorsi è stata formalizzata la costituzione di  un nuovo gruppo di controllo di vicinato denominato a San Piero in Bagno , che interessa 19 famiglie residenti in Via Cavour e Via Carducci. Contestualmente, sono stati installati i relativi cartelli segnaletici nei quartieri controllati.

Altri gruppi si stanno costituendo anche nei borghi periferici, a seguito dell’incontro che l’Amministrazione Comunale ha tenuto il 18.07.2018 dal titolo “Un Comune più Sicuro”, in occasione del quale l’iniziativa ha ricevuto un nuovo impulso.

“Ad oggi – spiega il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini – le segnalazioni pervenute alle Forze dell’ordine e alla Polizia Locale hanno riguardato, in particolare, la presenza di vetture e persone che si aggiravano per le strade in maniera sospetta, individui che chiedevano denaro porta a porta o che fornivano false generalità in ordine alla professione esercitata per accedere nelle abitazioni. Tempestivo l’intervento delle Forze dell’Ordine che ha identificato i soggetti sospetti e effettuato tutte le necessarie operazioni di accertamento e di verifica, con particolare riguardo alle targhe dei veicoli segnalati”.

“Il progetto del “Controllo del Vicinato” – continua Marco Baccini – è un modello di controllo del territorio che ha come oggetto quello di fornire un contributo all’attività di prevenzione e controllo istituzionalmente svolte dalle Forze di Polizia, attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini”.

“Nella pratica dei fatti, il progetto, con l’esclusione di qualsiasi forma di pattugliamento del territorio, mira alla realizzazione di forme di sicurezza partecipata attraverso un’attività di osservazione e controllo preventivo da parte dei cittadini che, costituendosi in gruppi di vicinato, creano una rete di contatti diretti tra loro e con le Forze dell’Ordine attraverso i quali veicolano in tempo reale ogni informazione relativa alla sicurezza del territorio in cui risiedono”.

“Nella fase esecutiva – spiega il Sindaco – l’operatività del progetto è assicurata dall’attività di formazione dei coordinatori e partecipanti ai gruppi da parte della Polizia Municipale. L’intervento dei cittadini si è limitato ad un’attività di mera osservazione con totale assenza di iniziative personali e comportamenti imprudenti e non sono state segnalate forme improvvisate di vigilanza”.

“L’impegno – chiude il Sindaco – è quello di continuare a coinvolgere tanti altri cittadini per arrivare ad un controllo capillare su tutto il territorio comunale, così da contribuire ad un miglioramento della qualità della vita nel nostro Comune, oltre a radicare un maggior sentimento di interesse dei cittadini verso i temi e gli spazi pubblici”.

Redazione
© Riproduzione riservata
07/11/2018 09:26:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Provincia di Perugia: si è insediato il nuovo presidente Luciano Bacchetta >>>

Anci: Decaro affida a Ghinelli la delega Alle politiche ambientali, territorio e protezione civile >>>

Consiglio comunale di Arezzo: le interrogazioni >>>

Si dimette il sindaco di Ortignano-Raggiolo dopo il fallimento del comune unico >>>

Mostra del Cavallo di Città di Castello: chiarire la situazione economica-finanziaria >>>

Subito una rotatoria a Montevarchi all'intersezione con via Valiani >>>

Castiglion Fiorentino: tre candidati per le primarie in vista delle amministrative >>>

Celebrati i vent’anni dell’istituto Venanzio Gabriotti >>>

Che fine hanno fatto i giovani del Pd in Umbria? >>>

Il Pd della provincia di Arezzo sembra essere alla frutta: si dimette Albano Ricci >>>