Notizie Nazionali Economia

Anas, lascia l’ad Armani per il "no" del governo alle nozze con Fs

La decisione comunicata al ministro Toninelli

Print Friendly and PDF

L’amministratore delegato e direttore generale di Anas Gianni Vittorio Armani si è dimesso comunicando la sua decisione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli ed al Gruppo FS Italiane di cui Anas fa parte dal 18 gennaio scorso dovuto al “mutato orientamento del governo sull’integrazione di Anas in Fs”. «Il vento sta cambiando anche in Anas. Al passato lasciamo sprechi, stipendifici e manovre meramente finanziarie». È il commento di Toninelli rivolgendosi ai suoi follower su un social network ribadendo la forte contrarietà all’operazione voluta dal precedente governo. «Per il futuro - continua Toninelli - lavoriamo a una nuova Anas con meno gente dietro la scrivania e più tecnici che progettano, costruiscono e mantengono sicure le nostre strade». 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
07/11/2018 22:01:51


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

La contraffazione costa all'Italia 88mila posti di lavoro e oltre 10 miliardi di euro l’anno >>>

Sostegno per i disabili e riscatto della laurea: le novità del decretone >>>

Made in Italy, la proposta della Lega: marchi storici vietati a chi porta la produzione all'estero >>>

In Sardegna c’è l’accordo per il latte: agli allevatori 74 centesimi al litro >>>

L’Istat rivede al ribasso le stime sul Pil: nel 2018 +0,9% >>>

Ecotassa, le auto e i bonus: ecco come e quando si paga >>>

Inflazione in crescita a febbraio, frutta e verdura costano il 18,5% in più >>>

Carige prevede 1050 esuberi e la chiusura di 100 sportelli >>>

Cala il debito di Milano: meno 538 milioni di euro. E scende di 100 milioni la spesa corrente >>>

La Pernigotti riapre: produrrà cremini. Via da Novi con i Tir burro, zucchero per la gelateria >>>