Notizie Locali Cronaca

Pena ridotta per Piter Polverini il ragazzo di San Giustino che uccise Katia Dell'Omarino

Rabbia da parte della famiglia della ragazza e delusione da parte del legale Anna Boncompagni

Print Friendly and PDF

Ridotta la pena a carico di Piter Polverini, il giovane di San Giustino che assassino in maniera brutale nel luglio del 2016 Katia Dell’Omarino, una ragazza di Sansepolcro. La condanna è stata portata dalla Corte di Appello di Firenze da 16 a 14 anni, essendogli state riconosciute le circostanze generiche. Delusione da parte  dell’avvocato biturgense Anna Boncompagni, difensore di parte civile che ha dichiarato “uno sconto di pena non è condivisibile perché non proporzionato alla gravità dell’episodio e la crudeltà con cui esso è stato commesso”. Katia fu uccisa dal ragazzo in maniera barbara e crudele, nella notte tra l’11 e il 12 luglio del 2016, nei pressi del torrente Afra, lungo la strada che porta alla frazione Montagna, dopo che i due avevano consumato un rapporto sessuale.

Redazione
© Riproduzione riservata
14/11/2018 11:30:29


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Si era finto malato per farsi dare i soldi dalla fidanzata: ora va a processo >>>

Arezzo, padre e figlia travolti da una vettura: grave la piccola di 7 anni >>>

Arezzo: interravano la droga sotto un albero per poi rivenderla >>>

Vicenda Banca Etruria: tolta la sanzione di Consob all'ex direttore Luca Bronchi >>>

Concorsopoli, Bocci adesso va in Cassazione: «Fatemi uscire» >>>

Sansepolcro, lupi sbranano un capriolo davanti alle abitazioni di Gragnano >>>

Cade dalla moto tra Stia e Londa: ferito un 66enne svizzero >>>

Bucine: altro colpo allo spaccio di droga >>>

Arezzo, operaio 50enne rimane incastrato in un compattatore dei rifiuti >>>

E' Luciano Camilli, figlio del presidente della Viterbese, l'aggressore di Giorgio La Cava >>>