Notizie dal Mondo Attualità

A Belgrado centomila in piazza a sostenere Vucic

"Parlerò solo di futuro e di pace", ha detto il presidente serbo

Print Friendly and PDF

Una dimostrazione pacifica di forza, attraverso i numeri della piazza, per comprovare a tutti il sostegno di cui gode nel Paese. Ma anche per suggerire che chi protesta contro di lui sarebbe solo una minoranza fastidiosa. Dimostrazione data ieri a Belgrado dal presidente serbo Aleksandar Vucic, da dicembre nel mirino di opposizioni e “indignados” del movimento 1od5miliona, che lo accusano di governare da autocrate e chiedono maggior libertà di stampa ed elezioni libere. Ma ieri Belgrado è stata solo di Vucic e dei suoi Progressisti, in una capitale dove sono affluiti a decine di migliaia da tutto il Paese. Il pretesto, il raduno più importante della campagna “Buducnost Srbije”, il futuro della Serbia, un tour lanciato da Vucic per battere il territorio e narrare i suoi successi. Ma anche per fare da contraltare alle proteste antigovernative. «Parlerò solo del nostro futuro» e del «compito di mantenere la pace», ha detto Vucic su un grande palco allestito davanti al Parlamento, lo stesso luogo dove sabato scorso si erano contati i suoi avversari, accolto da scroscianti applausi mentre elencava vittorie e sfide, come quella sul Kosovo. Al suo fianco, la premier Brnabic – che ha assicurato che il raduno è segno di un Paese unito e di stabilità – e il presidente di turno in Bosnia, l’ultranazionalista serbo-bosniaco Dodik. Sulla tribuna, il ministro degli Esteri magiaro, Peter Szijjarto, a rappresentare la vicinanza tra affini populismi.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
20/04/2019 06:19:41


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

La Svizzera dice sì a norme più severe sulle armi >>>

Usa, un repubblicano in Congresso chiede lʼimpeachment per Trump >>>

Alabama, il Senato approva legge contro lʼaborto >>>

Il Regno Unito pensa al colpo di spugna sui crimini militari commessi in guerra >>>

La Corte Ue: “I rifugiati non possono essere rimandati nei Paesi d’origine se rischiano la vita” >>>

Gli Usa rivedono i piani militari contro l’Iran >>>

La risposta di Rohani agli Usa, l’Iran riprende l’arricchimento dell’uranio >>>

Nato il Royal Baby: è un maschio e pesa 3,260 chili >>>

Facebook, il social diventa privato >>>

La giustizia italiana è la peggiore d’Europa: “Sempre più lenta e inefficiente” >>>