Notizie Locali Cronaca

Sansepolcro, pesce d'aprile all'arco di Porta Fiorentina: denunciati tre biturgensi

Interruzione di pubblico servizio per aver "rimesso" il portone all'arco di Porta Fiorentina

Print Friendly and PDF

Un pesce d’aprile originale e gradito ai biturgensi, ma non alle forze dell’ordine. E così i tre autori si sono beccati altrettante denunce, che hanno rovinato a ciascuno di essi la giornata di Pasqua. Incredibile ma vero: a Sansepolcro è successo anche questo! Chi nella mattinata di domenica si è trovato a transitare nella zona di Porta Fiorentina, ha trovato il vecchio arco (l’unico rimasto in piedi fra le quattro antiche porte cittadine) “completato” dalla riproposizione del portone che lo chiudeva. Ovviamente, non si trattava di un portone in legno pesante, ma di un supporto in plastica leggero agganciato in modo tale che chi soprattutto percorreva viale Armando Diaz in direzione del centro si è ritrovato davanti la sagoma originale del portone in esso riprodotto e la sensazione visiva era quella appunto di un arco chiuso con soltanto un piccolo accesso pedonale, come spesso si nota anche nei portoni carrabili di oggi. Non appena la notizia si è sparsa, diversi sono stati i biturgensi che – sfidando anche la pioggia del mattino – si sono recati a fotografare con il telefonino l’arco di Porta Fiorentina. Il problema, però, è che anche polizia e carabinieri hanno transitato e stazionato nei pressi, informando poi di chi di dovere. A metà mattinata, sempre del giorno di Pasqua, il pm di turno ha allora ordinato lo smantellamento della sagoma plastificata del portone e per i tre autori del “pesce” – si tratta di altrettanti liberi professionisti molto conosciuti in città, la cui età oscilla fra i 50 e i 60 anni – è scattata la denuncia per interruzione di pubblico servizio. Nel furgoncino di servizio di uno i militari dell’Arma hanno rinvenuto gli scarti e i ritagli del modello di portone e a quel punto sono saltati fuori anche coloro che nella notte avevano contribuito a montarlo, coprendo l’arco per la sorpresa classica del 1° aprile. I tre si sono rivolti all’avvocato Franca Testerini, che li assisterà in questa vicenda dal sapore tragicomico: il tutto potrebbe finire come la classica bolla di sapone, anche se c’è un risvolto che rischia di rendere più complicata la loro posizione, perché è vero che sotto l’arco transitano soltanto i veicoli autorizzati, ma è altresì innegabile – questa la versione più attendibile – che un mezzo di soccorso chiamato per un intervento si sarebbe imbattuto nella strada chiusa, per quanto le vie di fuga alternative in zona non manchino. Resta a favore dei tre l’apprezzamento dei concittadini per la trovata e anche un turista di passaggio a Sansepolcro ci è cascato in buona fede: “Pensavo che per Pasqua in questa città – ha detto - vi fosse la tradizione di chiudere le antiche porte!”.

Redazione
© Riproduzione riservata
02/04/2018 22:12:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

1 commento alla notizia

sanborgo
ha commentato il
03/04/2018 00:37:02

E' proprio vero che in questo paese l'Italia non si può nemmeno più fare il pesce di aprile. Sotto quell'arco non ci dovrebbe passare nessuno stando alla segnaletica,dunque il portone poteva benissimo stare li per qualche ora.I cittadini del borgo per dare una risposta alla denuncia dovrebbero tassarsi tutti e pagare se ci fosero le spese legali dei tre che non so chi siano.Hanno comunque fatto una cosa bella e simpatica che dovrebbe ora sfociare nel ripristino di quello vero se ancora esitente.Semmai le autorità ora dovrebbero indagare su dove è andato a finire il portone di Porta Fiorentina ? sparito? tagliato? o peggio venduto? alle autirità la risposta.Altro che interruzione di pubblico esercizio.E tutte le maccchine parcheggiate nelle strade del centro storico che spesso intralciano ed addirittura bloccano i mezzi di soccorso? quelle si che sono da denunciare altro che gli scherzi del 1 di aprile.
Archivio Cronaca

La Guardia di Finanza del Valdarno sequestra una discarica abusiva di rottami >>>

Autofficina abusiva scoperta dai carabinieri forestali >>>

Aumentano i furti nelle abitazioni in tutta la provincia di Arezzo >>>

Città di Castello, 23enne arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale >>>

Auto in fiamme nella superstrada E45 >>>

L'aretino Domenico Giani non é più il capo dei gendarmi del Vaticano >>>

Scontro fra due auto a Policiano di Arezzo: due feriti in codice rosso >>>

Ragazzo derubato del telefonino e dei soldi che aveva in tasca >>>

Furto con scasso alla Todis di Ceciliano: banditi in fuga con mille euro >>>

Arezzo, 64enne truffata su Facebook da un medico americano per 16mila euro >>>