Motori Auto

Addio Infiniti, dal 2020 Nissan ritirerà il suo marchio di lusso dall’Europa occidentale

Ai clienti europei sarà garantita comunque l’assistenza post-vendita

Print Friendly and PDF

Lo spietato mercato europeo dell’auto miete un’altra vittima illustre. Si tratta di Infiniti, il marchio di lusso della Nissan: nato nel 1989 per fare da contraltare a vetture come Lexus e Acura (appartenenti, rispettivamente, Toyota e Honda) sul mercato nordamericano, dal 2008 viene importato anche nel vecchio continente per offrire un’alternativa premium a colossi come Audi, BMW e Mercedes.

Tuttavia, visti gli scarsi risultati commerciali ottenuti in Europa, il costruttore è già pronto a ripiegare altrove: come si legge in una nota ufficiale, infatti, Infiniti ha varato “un piano di riorganizzazione incentrato sui più grandi mercati in crescita in cui opera, nello specifico Nord America e Cina, unitamente al proprioritiro dall’Europa occidentale”, a partire dall’inizio del 2020. Mentre rimarranno le attività in Europa orientale, Medio Oriente, Asia e Oceania.

Quindi, se da un lato l’azienda aumenterà la produzione di Suv in Nord America e porterà cinque nuovi veicoli in Cina nel prossimo quinquennio, dall’altro Infiniti “si sta adoperando per offrire opportunità di lavoro alternative ai dipendenti che saranno coinvolti dal cambiamento”. Ne consegue che, già nel corso della prossima estate, sarà interrotta la produzione dei modelli Q30 e QX30 presso la fabbrica di Sunderland, nel Regno Unito (che già sta vivendo un periodo abbastanza duro per quanto concerne le defezioni dell’industria automotive dal Paese, a seguito della Brexit).

Senza contare che la marca “concorderà con la propria rete di vendita le azioni necessarie a garantire la fine degli accordi di franchising, con l’obiettivo di assicurare una fluida transizione”. Insomma, una débâcle totale, figlia di scelte commerciali e strategiche poco in linea con gusti ed esigenze dei mercati occidentali dell’Europa.

L’azienda si è comunque impegnata a garantire la continuità delle attività che riguardano i servizi post-vendita, come l’assistenza alla clientela, manutenzione dei veicoli e riparazione dei modelli in garanzia. 

Notizia e Foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
13/03/2019 19:30:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Auto

Audi Q3 Sportback RS, la più cattiva ha 400 cavalli di potenza >>>

Fiat Panda Trussardi, l’utilitaria sposa la moda italiana >>>

Audi AI:Trail quattro, il fuoristrada ha i droni al posto dei fari >>>

Mercedes GLE Coupé, la seconda generazione del Suv con il codino >>>

La Mini compie 60 anni: la piccola inglese ha rivoluzionato il mondo delle citycar >>>

Bugatti Centodieci, lo sguardo affilato del “mostro” vale 8 milioni di euro >>>

Mazda CX-30 >>>

Pagani Huayra Roadster BC, 800 cavalli per la scoperta da 3 milioni di euro >>>

Audi Q3 Sportback, una versione coupé per il Suv compatto >>>

Ford Focus ST, un pieno di grinta >>>