Motori Auto

Bmw M8, per la prima volta una versione “cattivissima” della Serie 8

Un gioiello della meccanica

Print Friendly and PDF

Quello che nei suoi spot pubblicitari televisivi Bmw indica come “planet power”,ovvero il pianeta della potenza riservato ai prodotti più sportivi della casa bavarese, si arricchisce di un nuovo gioiello della meccanica: è l’inedita M8, che si pone al vertice della linea Motorsport.

Declinata con carrozzeria coupé o cabrio, la vettura adotta la medesima meccanica della M5: significa che a spingere il veicolo c’è un V8 biturbo di 4,4 litri di cilindrata, abbinato a un cambio automatico a otto rapporti e alle quattro ruote motrici. Non disperino i puristi della trazione posteriore: la trasmissione, se il guidatore lo desidera, può inviare tutta la coppia motrice al solo retrotreno.

I numeri sono esaltanti: 600 CV di potenza massima (625 se si sceglie l’allestimento “Competition”) e 750 Nm di coppia motrice, che catapultano la M8 da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi, sullo 0-200 km/h in meno di 11 secondi e fino a una velocità massima di 305 km/h; dati che si riferiscono alla variante più potente del modello e dotata dell’opzione M Driver’s Package.

Rispetto alla Serie 8 da cui deriva (e dalla quale riprende tutte le tecnologie dedicate all’infotelematica e alla sicurezza), la M8 prevede telaio rinforzato con traverse d’alluminio, barre antirollio irrigidite e sospensioni riviste con assetto attivo. A richiesta l’impianto frenante con dischi carboceramici, studiato per l’uso in pista. Da definire i prezzi: a titolo di riferimento, la Serie 8 più costosa oggi a listino costa 132 mila euro (140 mila la Cabrio).

Come detto pocanzi, la M8 è una prima commerciale assoluta nella storia della BMW: la marca ne realizzò un primo prototipo agli inizi degli Anni 90, costruito sulla base della Serie 8 conosciuta col codice di progetto “E31”. Tuttavia gli uomini del marketing Bmw non deliberarono mai la produzione in serie del veicolo, che venne nascosto: il prototipo, infatti, fu conservato per due decenni in un magazzino segreto. È stata la stessa Bmw a portarlo alla luce a luglio del 2010, forte del suo motore V12 di 6 litri, plasmato per erogare circa 550 CV di potenza massima. La nuova M8 è la degna erede di quell’amarcord mai arrivato sul mercato.

Notizia e Foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
08/06/2019 09:10:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Auto

Porsche: ecco l'elettrica Taycan 4S >>>

Audi Q3 Sportback: il Suv coupé “modellato dalla tecnologia” >>>

Audi Q3 Sportback RS, la più cattiva ha 400 cavalli di potenza >>>

Fiat Panda Trussardi, l’utilitaria sposa la moda italiana >>>

Audi AI:Trail quattro, il fuoristrada ha i droni al posto dei fari >>>

Mercedes GLE Coupé, la seconda generazione del Suv con il codino >>>

La Mini compie 60 anni: la piccola inglese ha rivoluzionato il mondo delle citycar >>>

Bugatti Centodieci, lo sguardo affilato del “mostro” vale 8 milioni di euro >>>

Mazda CX-30 >>>

Pagani Huayra Roadster BC, 800 cavalli per la scoperta da 3 milioni di euro >>>