Notizie Nazionali Politica

Prescrizione, il governo si arrende. Le ministre di Italia Viva non vanno in Cdm

Italia Viva vota con la destra, solidarietà bipartisan alla Annibali attaccata in rete

Print Friendly and PDF

Lo stallo (visto che oggi in consiglio dei ministri non approderà, salvo sorprese, alcun provvedimento oltre la riforma del processo penale); e un fiume di veleni dentro il governo spaccato, che oggi si riunirà in consiglio senza le ministre di Iv Bellanova e Bonetti (entrambe nella foto): questo lascia sul terreno lo scontro sulla prescrizione andato in scena nelle ultime settimane tra Matteo Renzi e il resto del mondo, ovvero le altre forze della maggioranza. «Il muro ostruzionistico alzato da Italia Viva contro l’accordo raggiunto con il “lodo Conte bis” ha prodotto un fatto: che resta in vigore per altri sei mesi la legge Bonafede che blocca la prescrizione», allarga le braccia un dirigente Dem che segue la vicenda per conto di Zingaretti. Il quale oggi tace per non dare in escandescenze, ma certo non ne può più. Anche dello spettacolo trasmesso dalle votazioni alla Camera sul milleproroghe: dove Italia Viva per il secondo giorno consecutivo ha votato con Forza Italia, Fdi e Lega a favore del “lodo Annibali” per sospendere di un anno la legge sulla prescrizione del Guardasigilli. Una votazione finita ieri 49 a 40 per la maggioranza (senza Iv), con una coda di sdegno corale di tutte le forze politiche, grillini in testa, per le oscenità piovute su Lucia Annibali da un hater che in rete la apostrofa con un «misera infame», inneggiando a colui (condannato a 20 anni) che la sfregiò con l’acido: un post così vergognoso da scatenare commenti indignati e di solidarietà bipartisan, con richieste (Anzaldi di Iv) alla ministra dell’Interno e alla responsabile della Polizia postale di fare luce su chi sia l’autore di questo post. Uno spettacolo, la votazione di un partito di maggioranza con le forze di opposizione, che in altri tempi avrebbe costituito il prodromo di una crisi di governo, temuta infatti da chi nel Pd e nei 5stelle, si chiede dove andrà a parare Renzi così facendo. Fatto sta che oggi il governo, causa polemiche, alzerà bandiera bianca: nella riforma del processo penale è stata stralciata la nuova norma sulla prescrizione. 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
13/02/2020 14:35:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Tridico nella bufera: stipendio raddoppiato con effetto retroattivo >>>

Coronavirus, Mattarella risponde al premier britannico Johnson >>>

Codice della strada, ultime novità: giallo di 3 secondi, casco per gli under 12 in bici >>>

Regionali, Di Battista torna all'attacco: "Più grossa sconfitta per M5s" >>>

Conte: “Non mi sentivo in bilico ieri non sono inamovibile oggi” >>>

Elezioni 2020. Referendum, vince il Sì con quasi il 70%. Alle Regionali finisce 3 a 3 >>>

Elezioni: alle 23 per regionali e referendum affluenza intorno 40%, alle comunali il 50 >>>

Referendum: a mezzogiorno 12,10% l'affluenza >>>

Il premier Conte ha firmato il nuovo Dpcm >>>

Marina Berlusconi: “Mio padre merita rispetto. Calpestati i sentimenti della mia famiglia” >>>