Notizie Locali Altre notizie

La natura ci vuole stupire in questi brutti momenti: uova azzurre in un nido di passeri

La natura non si ferma, e allora vogliamo arrenderci noi? Presto una primavera più bella che mai

Print Friendly and PDF

In questi giorni in cui siamo costretti a stare tra le mura domestiche per colpa della “bestia” del coronavirus, anche la natura vuole stupirci e in una cova di passerotti appoggiata alla recinzione di una casa a Promano di Città di Castello, sono state deposte in un nido cinque uova di colore azzurro. Per poter vedere spiccare il volo dei passerotti, dicono gli esperti, dovranno passare alcune settimane, forse cinque, di adeguata cova. Il figlio del proprietario dell'abitazione ha commentato così la scoperta: “La natura non si ferma, e allora vogliamo arrenderci noi? Abbiamo fede, lottiamo con pazienza, arriverà una nuova primavera, sarà più bella che mai”.

Notizia tratta dal Corriere dell'Umbria
© Riproduzione riservata
14/03/2020 12:34:29


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

Oltre 2 quintali di rifiuti abbandonati lungo la strada provinciale de “La Foce” >>>

Antonella e Fabrizio hanno pronunciato il fatidico si di fronte al Centro di Protezione Civile >>>

Nasce l’osservatorio regionale sulla qualità dei servizi erogati da Sei Toscana >>>

Nasce il primo drive-in della provincia di Arezzo in Casentino >>>

L’imprenditrice tifernate Elena Veschi al vertice del Corecom >>>

Cinquecento euro di mancia dopo aver fatto colazione in un bar di Umbertide >>>

Santa Messa in presenza del popolo dopo la pandemia Covid-19 >>>

Mascherine in puro lino realizzate con telaio dell’800 donate ai medici e infermieri dell’ospedale >>>

Nozze d'oro a Sansepolcro per Nadia Garaffini e Luca Pettinari >>>

Il “Vegni” non si ferma e si aggiudica il Diploma d’Argento 2020 >>>