Notizie Nazionali Politica

Crisi di governo, Zingaretti si appella ai “costruttori”

Ora anche alla Camera il rischio di una fiducia risicata

Print Friendly and PDF

Il Pd, vero epicentro del terremoto politico in atto, non cambia rotta e con Nicola Zingaretti davanti alla Direzione del partito, per ora tiene sui “fondamentali”: la crisi ha prodotto «una grave frattura», lo strappo di Renzi ha provocato «sconcerto nel mondo intero» e, sia pure col suo linguaggio felpato il segretario dem ha rilanciato l’appello ai “costruttori”: «Riconosciamo che ci sono nel Parlamento forze democratiche liberali e europeiste, che possono unirsi con lo stesso spirito» che anima il Pd.  

Un appello senza enfasi, molto understatement ai renziani dissidenti e ai deputati di opposizione pronti a passare la frontiera, ma Zingaretti si è deciso a fare questo appello sia pure soft, perché la situazione dei numeri resta incerta. Con un quadro che, a differenza di quanto si ripete in queste ore, si profila critico anche alla Camera e non soltanto al Senato.

Il presidente del Consiglio chiederà la fiducia, domani alla Camera e martedì al Senato, dove i numeri sono assai più stretti. Ma anche alla Camera non sarà semplice avvicinarsi alla soglia della maggioranza assoluta dei 316 voti, una soglia “psicologica” ma alla lunga di significato politico perché ai governi, per ottenere la fiducia, è sufficiente la maggioranza semplice, ma per far passare i provvedimenti serve un margine di sicurezza.
Proprio questo contesto così critico, davanti ad una Direzione riunita solo per ascoltare ma non per discutere, ha spinto Zingaretti a tenere nella critica a Renzi: «Lo sconcerto che nel mondo intero nei governi, nelle persone, ha provocato la notizia della crisi affonda qui le radici, nel ritorno, il giorno dopo l’approvazione del Recovery, di un’Italia che rischia di aprire una fase incomprensibile».  E dunque, «aprire la crisi al buio è l’opposto di migliorare la sua azione», perché «una cosa è rilanciare, rinnovare, cambiare, aprirsi e mettersi in discussione, altra cosa è distruggere, avere un approccio liquidatorio, aprire una crisi al buio». 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
17/01/2021 13:10:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Mario Draghi allontana anche Domenico Arcuri >>>

M5S, Casalino: “Per 2 milioni farei il portavoce di Berlusconi, mai di Renzi” >>>

Conte al vertice con Grillo per decidere sul futuro del M5S >>>

Italia dei valori rinasce dalle ceneri rientrando in Parlamento con gli ex 5S >>>

Kashoggi: Renzi: 'Contro di me attacchi strumentali. Arabia Saudita? Giusto avere rapporti' >>>

Covid-19: parrucchieri, fiere e teatri, cosa conterrà il nuovo Dpcm >>>

Cdm, via libera ai decreti sulla riforma dello Sport >>>

La squadra dei 39 sottosegretari di Draghi è fatta >>>

Milleproroghe, via libera alle agevolazioni sulle bollette per le case inagibili >>>

Pandemia, terminato vertice Draghi, ministri, e Cts >>>