Notizie dal Mondo Cronaca

AstraZeneca, l’Ue trascina in tribunale la società farmaceutica

“Non ha rispettato il contratto”. Gli Usa pronti a condividere 60 milioni di dosi

Print Friendly and PDF

Lo scontro tra l'Unione europea e l'azienda farmaceutica anglosvedese, AstraZeneca, per la mancata fornitura delle dosi di vaccino contro il Covid-19 finisce in tribunale. La commissione europea ha avviato venerdì una causa legale contro la compagnia perché «i termini del contratto non sono stati rispettati e perché l'azienda non è in grado di applicare una strategia affidabile per garantire consegne precise e puntuali» ha annunciato un portavoce della Commissione. «Ciò che è importante per noi in questo caso è garantire la consegna rapida di un numero sufficiente di dosi a cui hanno diritto i cittadini europei e che ci sono state promesse in base al contratto», ha aggiunto. L'azienda ha subito replicato. «L'azione legale è infondata, ci difenderemo fermamente»  ha spiegato AstraZeneca in una nota. «Finora abbiamo rispettato tutti gli impegni presi con l'Ue, entro aprile saranno 50 milioni le dosi consegnate», ha aggiunto. «Stiamo facendo progressi nell'affrontare le sfide tecniche e la nostra produzione sta migliorando, ma il ciclo di produzione di un vaccino è molto lungo, il che significa che questi miglioramenti richiedono tempo per portare a un aumento delle dosi di vaccino», ha sottolineato la compagnia. L'auspicio è di «risolvere quanto prima questa controversia». Questo ultimo scambio non e' altro che l'ennesima dimostrazione di quanto siano lontane le posizioni tra le parti coinvolte nella disputa. L'azione legale voluta da Bruxelles è stata avviata a nome dell'Ue e dei suoi 27 Stati membri, «in accordo unanime». AstraZeneca ha consegnato 30 milioni di 120 milioni di dosi concordate con l'Ue nel primo trimestre. Nel secondo trimestre, prevede di consegnare 70 milioni di 180 milioni previste. L'accordo Ue con AstraZeneca è un contratto di diritto belga, in cui il laboratorio, la Commissione e i Paesi del blocco si impegnano a risolvere eventuali controversie «davanti alla giurisdizione esclusiva dei tribunali stabiliti a Bruxelles». Intanto gli Gli Stati Uniti hanno reso noto che inizieranno a condividere fino a 60 milioni di dosi di AstraZeneca con altri Paesi. Ad annunciarlo è il consigliere senior della Casa Bianca Andy Slavitt, su Twitter: «Gli Stati Uniti rilasceranno 60 milioni di dosi di AstraZeneca ad altri paesi quando saranno disponibili». L'Associated Press prima di lunedì aveva riferito che le dosi sarebbero state condivise nei prossimi mesi a seguito di una revisione della sicurezza federale. L'amministrazione Biden a marzo ha detto che avrebbe inviato circa 4 milioni di vaccini della casa farmaceutica a Canada e Messico ed è sotto crescente pressione per espandere la condivisione delle sue scorte con l'India e altri paesi.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
26/04/2021 19:55:14


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Gerusalemme: violenti scontri sulla Spianata delle Moschee, feriti >>>

Incendio in un palazzo di 19 piani a Londra, cento pompieri impegnati >>>

Guardia costiera libica spara a peschereccio italiano, ferito a un braccio il comandante >>>

Brexit, scontro sulla pesca: Londra e Parigi schierano navi militari a Jersey >>>

In aula gli ex terroristi rossi: “Innocenti, restiamo a Parigi” >>>

È morto Nick Kamen, modello e cantante, pupillo di Madonna >>>

Allarme dallo spazio: razzo cinese in “caduta libera” verso la Terra >>>

Iran: diplomatica svizzera muore cadendo dal balcone >>>

Città del Messico, ponte della metropolitana crolla sulla strada: 20 morti e oltre 70 feriti >>>

Germania, smantellata la piattaforma pedopornografica più grande del mondo >>>