Notizie Locali Comunicati

Fdi: “Accanimento nei confronti di Macrì, si tratta di evidenti forzature!”

“Assieme al Cda di Estra, il presidente ha svolto il suo lavoro con risultati straordinari"

Print Friendly and PDF

Fratelli d’Italia Arezzo e Regionale Toscana esprimono solidarietà a Francesco Macrì verso il quale non tolleriamo più questo accanimento. Siamo in rispettoso silenzio da più di due anni ma oggi, vista la tematica più giuridico amministrativa, non intendiamo più tacere su evidenti forzature. Macrì è tra i più validi dirigenti nazionali di Fdi e uomo che ha dimostrato grandi competenze manageriali. Non merita quanto gli sta accadendo” dichiarano il Presidente Provinciale di Fratelli d’Italia Francesco Lucacci, il Consigliere Regionale Gabriele Veneri, ed il Coordinatore Regionale Fdi Fabrizio Rossi.

“Ci sono varie questioni da sottolineare. La prima è di sostanza: assieme al Cda di Estra ha svolto il suo lavoro con risultati straordinari e la sua nomina è stata utilissima all’azienda e al territorio per i notevoli risultati profusi in termini di visibilità, economici e sociali. C’è poi una questione politica. Si tratta di un’assurda vicenda giudiziaria prima e giuridico amministrativa poi. Sembra avere il sapore di una lotta tra poteri che non giova a nessuno e cozza con la realtà di un’ottima gestione. Quando arriveremo in fondo, vorremmo capire il costo effettivo di questo modo di terremotare la cosa pubblica e un’azienda importantissima che sta facendo bene, su questioni che afferiscono la punta del diritto, molto complesse e che qualcuno maneggia con il coltello più che con il bisturi” spiegano gli esponenti Fdi.

“C’è, quindi, una questione tecnica. Anac, incredibilmente, ci piomba addosso con 5 anni di ritardo ponendo questioni, ad oggi, surreali sostenendo principi giuridici originali come il “raffreddamento” a vita per Macrì. Al contempo, però, ha il pregio di ricondurre nel giusto alveo amministrativo la vicenda, su cui vi sono comunque diverse valutazioni di merito e possibili diversità interpretative. Ci dobbiamo chiedere: è una questione amministrativa o penale? E’ evidente che se la prima nomina è valida, come afferma Anac, non si può integrare l’abuso d’ufficio. Se tale nomina è valida, seguendo un ragionamento su l’assenza delle deleghe gestionali, l’assunto dell’autorità fa mancare un elemento costitutivo del presunto reato e pensare di dilatarlo fino ad estenderlo alle nomine successive è una forzatura. Le deleghe presunte gestionali sono state attribuite dal Cda e non certo dal Comune e qui siamo in assenza assoluta del dolo. Difficile, dunque, sostenere il teorema originale nonché la motivazione del Gup alla base del rinvio a giudizio per la nomina di Francesco Macrì a presidente di Estra” sostengono Lucacci e Rossi, che sono due avvocati.

L’improvvido commento del Pd al pronunciamento dell’Anac, non merita repliche, ma dagli alleati ci aspetteremmo lealtà e capacità di comprendere gli accadimenti e i provvedimenti, non richieste di poltrone del tutto improprie. Chi pensa per Estra ad un avvicendamento, non solo non tiene conto delle cautele giuridico amministrative in atto, ma non comprende quanto siano necessarie adeguate competenze manageriali e vuole rinunciare in partenza alla forza territoriale e aziendale, raggiunta con la presidenza Macrì. Estra non è adatta per apprendisti professionisti, né per quelli stracotti. E soprattutto non può essere sottoposta ad appetiti di esponenti politici in cerca di affermazione o rilancio. Estra è una questione di rilevanza macro-regionale e nazionale e i soggetti deputati devono compiere le scelte più adeguate nell’interesse dell’azienda e del territorio in cui opera. Ci auguriamo, che oltre a Macrì e ad Estra, tutti i soggetti titolati scendano in campo, come Coingas e soprattutto il Comune di Arezzo, contro questa delibera che ha dei vizi concettuali da impugnare innanzi al Tar con immediata richiesta di sospensiva. Oltre a Macrì c’è in gioco il profilo giuridico di Estra che non è definibile come un soggetto in controllo pubblico non solo perché non c’è controllo congiunto dei soci indiretti (il patto parasociale verte su nomine non sulla gestione dell’azienda) ma essendo Estra una società che fin dal 2016 ha emesso bond su mercati regolamentati è parificata ad una quotata per cui non può essere a controllo pubblico (secondo quanto stabilisce la legge Madia). Se tale concetto del controllo pubblico fosse accettato, rischierebbe di comprometterne la dinamicità nel mercato oltre che rivedere molto processi interni potenzialmente dannosi e ingessanti –sottolineano i rappresentanti di Fratelli d’Italia- Tale pronunciamento può compromettere decine di utility a livello nazionale e auspichiamo anche interventi urgenti a livello legislativo che chiariscano ciò che a noi è già chiaro sulla legittimità di tali nomine e profili giuridici di queste società, che rappresentano una ricchezza e un motore di sviluppo economico e sociale”.

“Esprimiamo la nostra solidarietà a Francesco Macrì, valido dirigente nazionale di Fdi e professionista che ha dimostrato grandi competenze manageriali, e consideriamo assurda e tardiva la vicenda che lo vede coinvolto. Non vorremmo che dietro l’attacco reiterato al Presidente Macri si celasse un attacco ad un’eccellenza Toscana, in un campo fortemente strategico, quale Estra è!” dichiara il Gruppo di Fdi in Consiglio regionale.

Redazione
© Riproduzione riservata
27/11/2021 16:08:23


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

La Asl chiede e la misericordia di Subbiano risponde con i tamponi rapidi >>>

Salta anche l’edizione 2022 del Carnevale dei Ragazzi di Rassina >>>

Risorse Pnrr per i borghi storici, il Comune di Umbertide indica Preggio >>>

Rifacimento di via dei Casceri a Città di Castello: interrogazione in Comune >>>

Hospice ad Arezzo: basta con il tira e molla >>>

Il “miracolo” di Ceramiche Noi, la cooperativa simbolo della resilienza, creatività e voglia di fare >>>

Coronavirus in Toscana: 10.904 nuovi casi con età media di 36 anni >>>

Covid-19 a Città di Castello, 79 guariti e 80 nuovi casi >>>

L'associazione Amare dona un elettrocardiografo all'ospedale di Città di Castello >>>

Coronavirus in Toscana: 12.190 nuovi casi con età media di 35 anni >>>