Orto & Giardino Giardino

Il nostro prato nel mese di luglio

La morte del prato può sopraggiungere solo in casi particolari di siccità prolungata

Print Friendly and PDF

Quando si superano i 30 gradi, e a Luglio questo accade con continuità, le specie microterme come Loietti, Poe e Festuche non sono geneticamente e biologicamente dotate di meccanismi di resistenza a queste avversità e per questo motivo adottano il principale strumento di difesa vegetale, ovvero la riduzione della respirazione e del metabolismo. Quando la persistenza di tali condizioni limite è quella a noi conosciuta, ovvero 30-40 giorni, la piantina resiste mostrando gli effetti delle proprie resistenze: crescita ridotta, indebolimento generale, ingiallimento. La morte del prato può sopraggiungere solo in casi particolari di siccità prolungata e di clima straordinario.

Quello che succede invece sul nostro prato è che lo vogliamo vedere verde e lussureggiante anche ora, come se fosse Aprile, quindi siamo indotti ad insistere con la nostra manutenzione spinta: concimazioni azotate, acqua a più turni tutti i giorni e i soliti sgraditi tagli dell’erba, sotto il sole cocente.
A volte si sente invece dire che in queste condizioni, sul prato, più fai cose più fai danni. Ma come stanno in  realtà le cose? Chi me la dice tutta su quello che va fatto o no?

Noi vorremmo dare importanza ad ogni fazzoletto erboso ben curato e una ricetta per tutti risulterebbe quindi offensiva, ma possiamo fissare alcune linee guida che ci permettano di stendere una procedura sul da farsi e limitare in questo modo i possibili danni.

Dai seguenti concetti si possono quindi ricavare le proprie necessità:

  1. Allontanare le condizioni di maggior gravità per il prato, ovvero il caldo umido superficiale che favorisce il movimento e lo sviluppo delle spore fungine.
  2. Rinforzare il prato e accrescere le difese naturali
  3. Proteggere l’ambiente con manutenzione accurata e con lotta integrata
  4. Predisporsi a trattamenti fungicidi di cura ed eliminazione di patologie evidenti.

Può sembrare discutibile ma i 4 punti ruotano tutti intorno alla gestione dell’acqua, quindi sorge la necessità di conoscere a fondo il comportamento e il movimento nel terreno di questo elemento vitale, e nel caso specifico ciò si concentra sul corretto uso dell’impianto di irrigazione.

Notizia tratta da greenservice.it
© Riproduzione riservata
02/07/2022 14:00:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Giardino

L'importanza delle innaffiature nel mese di giugno >>>

Marzo è il mese dei lavori di ripulitura e preparazione del giardino >>>

A febbraio possiamo iniziare la potatura delle piante da giardino >>>

Fare nuovo pacciame in giardino >>>

Giardinaggio, taglio dell'erba del giardino: meglio tagliaerba o decespugliatore? >>>

Il nostro giardino nel mese di dicembre: cosa fare? >>>

Lavori in giardino a settembre >>>

Il nostro giardino a luglio >>>

I lavori di maggio nel nostro giardino >>>

Cosa fare a gennaio nel nostro giardino >>>