Notizie Nazionali Politica

Il disegno del Pd: un'ammucchiata con i transfughi di Forza Italia per pareggiare

Guerini e Franceschini premono sul segretario: creare un listone unico

Print Friendly and PDF

La mossa del cavallo la suggerisce Pier Ferdinando Casini, volpone di prima Repubblica, che di elezioni se ne intende (è in Parlamento dal 1983): un listone unico da Speranza a Brunetta per tirare fuori il Pd dalle sabbie mobili delle alleanze.

È la stessa richiesta che al Nazareno hanno messo sul tavolo due ministri uscenti del governo Draghi: Dario Franceschini e Lorenzo Guerini. I due ministri hanno avanzato la proposta venerdì sera al segretario Enrico Letta in un incontro riservato. C'è un solo modo per uscire dallo stallo sulle intese elettorali e riportare in partita (puntando al pareggio in Senato) un Pd che si avvia alla sconfitta: l'ammucchiata. Franceschini e Guerini hanno spedito in avanti Casini (l'unico che può mettere allo stesso tavolo Speranza e Calenda) per lanciare la proposta.

È il classico ballon d'essai per testare reazioni e umori. Sul nome ci sono varie opzioni: fronte repubblicano, riformisti, fronte riformista, democratici. Chi più ne ha più ne mette. Ora la priorità è accelerare e unire le diverse sigle. Aprire le porte del listone unico ai tre ministri uscenti da Fi Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Renato Brunetta. Il rischio di restare a casa e senza poltrone potrebbe rivelarsi una spinta decisiva. Così sotto lo stesso simbolo si rischia di ritrovare Renato Brunetta, capolista al Senato, e Peppe Provenzano alla Camera. La parte più complicata dell'operazione è convincere Carlo Calenda. In caso contrario il listone unico naufragherebbe in un istante. In Azione qualche spiraglio si apre. Parla Matteo Richetti: «Nessuno pensa di andare da soli e sbattere la porta e precludere un tema di alleanze e di dialogo. E ci rivolgeremo a chi la fiducia a Draghi l'ha votata fino all'ultimo, chiedendo però di fare sul serio. Nessuno immagina di non utilizzare lo strumento del dialogo e io non ho mai utilizzato la categoria del centro. Ma di continuare a fare la ruota di scorta di chi dice di andare a governare con un programma riformatore e poi non realizza una cosa che riguarda industria, diritti, scuola e università non so cosa farmene - dice duro il parlamentare emiliano -. Basta con chi si professa riformatore e poi non realizza nulla. Non sappiamo cosa farcene di promesse vuote», spiega il senatore.

Nel Pd oltre a Franceschini e Guerini tra gli sponsor del listone unico c'è Andrea Marcucci che già tempo fa aveva messo sul tavolo l'opzione: «Un'area che va da Letta a Renzi, da Speranza a Calenda. La propone oggi Casini. Parole sagge le sue, votiamo con il Rosatellum».

Il segretario Letta non è convinto dell'operazione, però è disponibile a valutare l'ipotesi. Il no arriva dal vicesegretario Peppe Provenzano che spinge per la corsa solitaria del Pd. «Un bluff - raccontano al Giornale fonti dem lui vorrebbe alla fine chiudere con Conte e tutta la sinistra». Posizione appoggiata anche dal ministro del Lavoro Andrea Orlando. Dal fronte grillino le provocazioni continuano: «Pd complice di Draghi contro agenda sociale» attacca Danilo Toninelli.

«A spingere verso il listone unico - spiegano le fonti dem è l'analisi di Roberto D'Alimonte pubblicata sul Sole24Ore e piombata al Nazareno». Non c'è alcun possibilità di vittoria per il Pd. C'è una sola speranza: il pareggio al Senato. Al centro sinistra serve la vittoria in almeno 30 collegi uninominali per limitare i danni a Palazzo Madama e scongiurare la maggioranza assoluta al centrodestra.

Intanto mentre a Roma affonda il campo largo, in Sicilia si svolgono primarie surreali tra Pd e Cinquestelle. In lizza c'erano Caterina Chinnici, del Pd, Claudio Fava, per i Centopassi, e Barbara Floridia, del M5s. Letta e Conte fino a ieri sera erano alleati. Ora possono salutarsi.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
24/07/2022 11:56:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Meloni incontra Berlusconi: “Governo di alto profilo. Difesa dell’interesse nazionale" >>>

Primo incontro tra Meloni e Salvini alla Camera. “Collaborazione e unità intenti" >>>

Elezioni, il sito dl Viminale "riammette" Umberto Bossi, eletto in Lombardia >>>

Paola De Micheli si candida come segretario del Pd per il dopo Letta >>>

Regionali, in Sicilia vince Renato Schifani: flop del centrosinistra >>>

Flop Mara Carfagna, solo quarta nel collegio >>>

Elezioni, il centrodestra vince: vola Fratelli d'Italia, male la Lega >>>

Elezioni 2022, dati parziali Viminale: alle 19 affluenza al 51%, in calo di 8 punti rispetto al 2018 >>>

Consulta, Silvana Sciarra è la nuova presidente >>>

"Azzerare l'Iva sui beni primari". Il piano del Cav per tutelare le famiglie >>>