Motori Auto

Ferrari presenta la KC23: nuova one-off di Maranello

La vettura, progettata su richiesta di un collezionista di spicco del Cavallino Rampante

Print Friendly and PDF

Ferrari ha presentato la Ferrari KC23, ultima nata della serie One-Off appartenente al programma Progetti Speciali. La vettura, progettata su richiesta di un collezionista di spicco del Cavallino Rampante, rappresenta un'audace ed estrema visione del futuro dell'automobile da corsa a ruote coperte e reinterpreta le linee della 488 GT3, l'auto da corsa più vincente dei 76 anni di storia della Casa di Maranello, nella sua versione 'Evo 2020'.

La KC23 riesce nella duplice impresa di affascinare con la sua eleganza se vista da ferma, ma al contempo di emozionare una volta scesa in pista grazie a scelte aerodinamiche di rottura, quali prese d'aria ad apertura automatica e un'imponente ala posteriore. La KC23, progettata e disegnata dal Centro Stile Ferrari sotto la direzione di Flavio Manzoni, si basa sulla 488 GT3 Evo 2020 da cui eredita impostazione, telaio e motorizzazione.

La donor car di questo progetto è davvero una vettura come nessun'altra: in pista dal 2016 e aggiornata tre anni fa con il kit 'Evo 2020', vanta oltre 530 vittorie e 119 campionati conquistati, risultando così la Ferrari più vincente della storia, impostasi nelle gare endurance più importanti al mondo.

Data la natura estrema del suo motore, telaio e assetto dinamico, la KC23 è pensata per l'esclusivo uso non competitivo in pista, e la sua particolarità principale risiede nella doppia configurazione che la contraddistingue. Mentre il layout della vettura da ferma, infatti, le permette di mettere in mostra le sue forme pure, filanti e sinuose, all'atto di scendere in pista si svelano prese d'aria sporgenti ad apertura automatizzata e un'imponente e mozzafiato ala posteriore. Fin dai primi attimi di vita del progetto, il Centro Stile Ferrari si è impegnato, in accordo con il cliente, a creare una vettura unica, estrema e libera da vincoli omologativi, che divenisse immediatamente un classico dotato di linee senza tempo e aprisse al contempo uno scorcio sul futuro del mondo delle automobili supersportive.

Tale sfidante obiettivo ha comportato la rivisitazione di ogni singola linea della 488 GT3 Evo 2020, superfici vetrate e gruppi ottici compresi. L'effetto ricercato era quello di un corpo vettura unitario e monolitico. È quindi stata intrapresa la strada di nascondere alcune funzioni tecniche della vettura, in particolare le prese d'aria laterali, rendendole apribili automaticamente all'accensione del motore V8 biturbo centrale-posteriore. In questo modo la KC23 si prefigura come una vettura viva, le cui forme cambiano a seconda dell'utilizzo che se ne sta facendo. Anche l'ala posteriore è rimovibile, al fine di raggiungere la massima pulizia formale a motore spento.

Il trattamento delle superfici è fluido e gli spigoli sono ridotti al minimo, per accentuare l'essenzialità e la sinuosità della KC23 alla ricerca dell'iconicità e di un design avveniristico in grado di superare la prova del tempo. Tuttavia, quando si appronta la vettura per la sua discesa in pista e se ne accende il motore il suo volto cambia radicalmente, accrescendo la propria aggressività e attitudine corsaiola.

Impossibile non notare l'ala posteriore che qualifica inequivocabilmente la KC23 come una vettura da corsa, nata per attaccare i cordoli e trasferire sull'asfalto tutti i cavalli del V8 che la spinge. Dal punto di vista del carico aerodinamico e della termica, è stato portato avanti un intenso lavoro per mantenere le prestazioni della vettura al livello di quelle della donor car nonostante la silhouette delle due auto sia completamente diversa.

Sono stati pertanto realizzati pannelli dotati di cinematismi ad hoc che si attivano automaticamente all'accensione della KC23: quello retrostante la ruota anteriore scopre un deviatore di flusso che aumenta il carico verticale anteriore e mantiene adeguato il bilanciamento aerodinamico, mentre quello al posteriore garantisce la portata d'aria necessaria al raffreddamento di intercooler e componenti ausiliarie, oltre che all'aspirazione del motopropulsore.

Degne di nota sono inoltre le porte ad apertura verticale incernierate su un monobraccio, architettura condivisa con l'iconica supercar LaFerrari; tale modifica non ha tuttavia significato alcuna modifica alla greenhouse né alle altre parti strutturali della vettura. Il cofango anteriore è dotato di un sistema di apertura semplificato, che permette l'ispezione e la manutenzione dell'anteriore con la sola rimozione di due perni.

Anche i gruppi ottici sono stati riprogettati sia all'anteriore sia in particolare al posteriore, dove lame luminose in metacrilato ispirate alla concept car Ferrari Vision Gran Turismo forniscono un effetto sorprendente all'accensione. Perfino i cristalli della vettura sono stati influenzati dalla filosofia progettuale della KC23: il loro montaggio senza soluzione di continuità sottrae alla vista montanti, guarnizioni e serigrafie, creando un effetto cupola di chiara derivazione aeronautica, mentre la loro finitura metallica permette loro di mimetizzarsi con il corpo vettura per un effetto futuristico di sicuro impatto.

Un altro elemento che cattura l'attenzione di coloro che osservano la KC23 è il suo colore Gold Mercury, vernice appositamente sviluppata a quattro strati e con base in alluminio. Il metallo liquido in essa contenuto la rende assai luminosa se irraggiata dalla luce solare e le consente di cambiare tonalità a seconda di tipo e angolazione della luce che la lambisce, per un risultato eccezionalmente accattivante.

Gli interni sono stati mantenuti il più possibile essenziali e simili a quelli della 488 GT3 Evo 2020, con l'eccezione di pannelli porta e finizioni della plancia lato passeggero. I sedili specifici, sellati in Alcantara® con logo elettrosaldato, donano all'abitacolo un look elegante, perfettamente integrato con quello degli esterni. La visibilità posteriore è garantita da un sistema di videocamere che ha apportato grandi vantaggi dal punto di vista aerodinamico grazie alla rimozione dei classici retrovisori, oltre a preservare le linee della fiancata.

La vettura è dotata di due set di cerchi appositamente progettati: quello da 18" servirà alla KC23 per meravigliare il pubblico nei circuiti di tutto il mondo, mentre quello da 21" all'anteriore e 22" al posteriore le permetterà di esprimere tutta la sua classe in configurazione statica. L'ultima nata del Cavallino Rampante, la cui fase progettuale ha richiesto oltre tre anni, entra così a far parte del segmento più esclusivo della gamma comprendente auto uniche, tratteggiate e realizzate dal Centro Stile Ferrari a partire dalle richieste di un cliente, posizionandosi all'apice delle possibilità di personalizzazione offerte dalla Casa di Maranello.

Dal 13 al 16 luglio prossimi la nuova vettura sarà protagonista del Goodwood Festival of Speed, una delle più importanti manifestazioni automobilistiche del Regno Unito dove farà la sua prima apparizione pubblica. Dal 1 agosto al 2 ottobre, invece, la vettura verrà esposta presso il Museo Ferrari di Maranello per la gioia di tutti gli appassionati che volessero ammirarne da vicino le straordinarie soluzioni formali e ingegneristiche.

Notizia tratta da Tiscali.it
© Riproduzione riservata
13/07/2023 18:22:43


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Auto

Nuova Kia Picanto debutta sul mercato italiano >>>

La Ferrari Purosangue vince il Compasso d'Oro 2024 >>>

Fiat Grande Panda, svelato il design della nuova utilitaria d'assalto >>>

Lamborghini SC63, pronti per la sfida della 24 Ore di Le Mans >>>

Porsche Panamera, la terza generazione della berlina che unisce comfort e dinamicità >>>

Versione "limitata" Super Sport per Alfa Romeo Giulia e Stelvio >>>

Nuova BMW M4 CS, a proprio agio sia su strada che in pista >>>

Suzuki Jimny Pro, perché sceglierla e perché no? >>>

Svelata la nuova Alfa Romeo Milano: tutto quello che c'è da sapere >>>

Opel, arriva il nuovo SUV Frontera, anche 100% elettrico >>>