Notizie Locali Altre notizie

Settanta anni con il cane al guinzaglio ed il vanghino in spalla a Città di Castello

“Nozze di platino” per Aldo Bianchini testimonial della capitale del tartufo bianco

Print Friendly and PDF

La “cava” del tartufo non conosce età come testimonia la bella storia di, Aldo Bianchini, che alla soglia dei novanta anni sta per festeggiare le nozze di “platino” con il vanghino e il cane al guinzaglio. Iscritto all’Associazione Tartufai Altotevere, dove il fratello Italo, fra i fondatori ricopre il ruolo di segretario, il decano dei cavatori tifernati, dall’età di venti anni prima a Pietralunga e poi a Città di Castello, esce con il proprio cane nei boschi del comprensorio alla ricerca del prezioso tubero, in ogni stagione, con il caldo e con il freddo, con la nebbia e la neve. Una passione per questa plurisecolare attività all’aria aperta e contatto con la natura, la cava del tartufo (da più di due anni patrimonio immateriale dell’Unesco) ereditata dal babbo Domenico  poi trasmessa al fratello e a tanti amici. “Ho lavorato sempre in campagna nell’azienda agricola di famiglia ed ho iniziato da giovane ad andare alla ricerca dei tartufi, profumo e sapore che a casa mia hanno fatto parte della vita quotidiana, grazie anche alle tagliatelle e gnocchi preparati da mamma Ester”, esclama Aldo Bianchini, ricordando frigoriferi stracolmi di tartufi bianchi  neri e di lunghe traversate negli anni 50-60 di tanti cavatori altotiberini con i muli verso Acqualagna a rifornire un mercato che era punto di riferimento in particolare del tartufo “nero”. Nella sua mente tanti ricordi e aneddoti legati alle innumerevoli uscite nei boschi ai tanti cani, Zara, Brilla, Dik, in prevalenza bracchi pointer, insostituibili protagonisti, che lo hanno affiancato nella ricerca e di quella trifola, pregiato tartufo bianco di quasi un chilo che ha scovato tanti anni fa in una fredda giornata di inverno. A raccontarlo si commuove al pari di chi ricorda un titolo conquistato o un traguardo sportivo raggiunto: la “coppa dei campioni” per un tartufaio. A distanza di quasi settanta anni dalla prima uscita nei boschi, il rito, una tradizione secolare che appartiene con orgoglio ad una comunità, si è ripetuto dall’ultima domenica di settembre, giornata di apertura della raccolta della trifola e rinnovato in questi giorni in cui si celebra la 43esima edizione del “Salone Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato” (fino a domani 5 novmbre nel centro storico): Aldo Bianchini con la sua “Brilla” al guinzaglio ed il vanghino in spalla non ha rinunciato alla solita passeggiata nel bosco, riuscendo sempre a portare a casa un discreto bottino. “Anche se l’età avanza non me la sento di mettermi in pantofole sul divano a non fare nulla, ormai questa consuetudine è parte della mia vita, quando esco nei boschi è come rinascere ogni volta”. Un hobby sempre più in voga ed in continua crescita, stando alle statistiche dell’Afor, Agenzia Forestale Umbria, (che parlano di 38 nuovi tesserini rilasciati, tra cui giovani di età   compresa 16 – 25 anni, fra questi 3 ragazze).  Aldo si rivolge anche ai giovani e li consiglia a lasciare da parte telefonini, computer e social per dedicarsi ad una sana attività all’aria aperta che “fa bene alla salute e consente talvolta di guadagnare anche qualche euro”. Proprio in questi giorni conclusivi della rassegna nazionale di Citta’ di Castello, Aldo Bianchini è dunque il testimonial più verace e appassionato della città dei “cavatori”, la terra dove nasce una trifola su tre in Italia e si conferma la capitale del tartufo bianco, dei cani di ogni razza e taglia. Per quanto concerne il numero di raccoglitori autorizzati, oltre mille, il Comune di Città di Castello ed il comprensorio altotiberino è secondo, a livello nazionale, come incidenza dei tartufai sulla popolazione. “Nessun luogo come Città di Castello parla del tartufo e qui, dove la trifola, l’oro bianco, è un’eccellenza e non una rarità come altrove, perché è abbondante, la nostra ambizione è di raccontare ed esaltare il suo legame con la terra, il valore aggiunto inimitabile di una storia, di una tradizione, di esperienze che lo rendono unico e desiderato in tutto il mondo”, hanno spiegato il sindaco Luca Secondi e l’assessore al Commercio e al Turismo Letizia Guerri, nel ringraziare il Presidente del Gal Alta Umbria, Mirco Rinaldi per il sostegno alla manifestazione. “La storia di Aldo Bianchini e del suo amore per i cani, la passione per una tradizione secolare legata alla cerca del tartufo rappresentano un vanto per la nostra comunità locale, un esempio per le giovani generazioni ed un punto di riferimento per tutti noi”. A proposito di cani  e cerca del tartufo, domani domenica 5 Novembre, l’Associazione Tartufai Altotevere ha organizzato la seconda edizione dei memorial dedicati ad “Alessandro Ghigi  Jimmy Cecchini”, una vera e propria gara inserita nel circuito nazionale in cui si sfideranno a colpi di cronometro i cani da tartufo di tutte le razze provenienti da Centro-Italia. Teatro della sfida del fiuto, a partire dalle ore 8,00, i Giardini del Cassero che si affacciano sulla cattedrale e piazza Gabriotti: un evento unico. “Per tutte le informazioni sul Salone del Tartufo Bianco Pregiato è possibile consultare il sito web della manifestazione (https://biancopregiato.it/), i portali istituzionali del Comune di Città di Castello (https://www.comune.cittadicastello.pg.it/) e di Città di Castello Turismo (https://www.cittadicastelloturismo.it/), insieme ai canali social collegati all’evento, ufficio turismo, tel. 075- 8529254.

 

 

Redazione
© Riproduzione riservata
04/11/2023 12:47:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

Al Governatore della Toscana Eugenio Giani il piatto celebrativo della baronia di Monte Ruperto >>>

La Giostra del Saracino raccontata dalla televisione argentina >>>

Vinti 2 milioni di euro con il Gratta e Vinci a Perugia >>>

Villa Gennaioli si illumina di rosso >>>

Inaugurato alla scuola primaria Garibaldi di Umbertide “Il nostro giardino... in tutti i sensi" >>>

La sezione soci Coop della Valtiberina ha consegnato i buoni alle associazioni del territorio >>>

2 Giugno nel ricordo di nonna Lisa a Città di Castello >>>

Arezzo su Times Square! >>>

Gli studenti del Casentino insegnano ai più anziani i servizi digitali sanitari >>>

Unicoop Firenze: rileggiamo insieme la nostra Costituzione >>>