Motori Auto

Ford GT40, la rombante e agguerrita anti Ferrari

Nasce per volontà di Henry Ford II di dare una lezione in pista a Enzo Ferrari

Print Friendly and PDF

Henry Ford II, figlio del fondatore del colosso di Detroit che porta il suo nome, prova ad acquistare la Ferrari. Il Cavallino Rampante vince e domina sulle più prestigiose piste del mondo, ma resta una piccola realtà che un gigante come quello americano desidera annoverare tra le proprie risorse per aumentare prestigio e fama, come si fa con un pezzo d'argenteria pregiata da esibire nelle occasioni migliori. Gli anni Sessanta del secolo scorso scorrono veloci come le auto di Le Mans, il teatro principale delle battaglie agonistiche tra le vetture degli States e quelle italiane.

Ed è in questo periodo che Ford vuole ardentemente mettere le mani su quell'azienda che veste le sue auto di rosso. E ci va vicino, perché la trattativa con il Commendatore Enzo Ferrari riga dritto quasi fino al matrimonio, che salterà bruscamente quando i due sono in prossimità dell'altare. Il Drake rispedisce la proposta degli Yankee al mittente, in malo modo. Ford cerca vendetta e insieme al fidato manager Lee Iacocca, studia l'auto per battere il Cavallino in pista. Dopo una genesi complessa nasce la GT40, l'anti Ferrari.

Ford brucia dalla voglia di dimostrare a Enzo Ferrari che lui può vincere ogni domenica, anche senza le sue auto. La Ford GT40 nasce sotto questa spinta emotiva. I prototipi della nuova supercar sono affidati alla Lola di Eric Broadley, mentre il nome 40 discende dalla misura, in pollici, che intercorre tra il suolo e il parabrezza. Sotto al leggero cofano, l'americana mostra un gagliardo motore V8 4,2 litri derivato dalla serie, che romba e saetta come un temporale estivo.

Sembra nata una stella, invece, le prime uscite sono un disastro. La vettura viene portata alla 1000 Km del Nurburgring e alla 24 Ore di Le Mans 1964, ma raccoglie soltanto delle figuracce. L'onta della vergogna è ormai a un passo dalla soglia di casa Ford, quando all'improvviso entra in gioco Carroll Shelby, il vero salvatore della patria. Quando il progetto viene affidato a quest'uomo, già autore del miracolo AC Cobra, la musica cambia drasticamente. La sgangherata orchestra di prima, diventa improvvisamente un affiatato gruppo jazz.

Il propulsore viene sottoposto a una cura rafforzante, che porta la cilindrata fino a 4,7 litri e anche la cavalleria aumenta. Dopo centinaia di ore passate insieme al pilota e collaudatore Ken Miles, oltre al più famoso Bruce McLaren, la Ford GT40 cambia volto per trasformarsi in una belva molto cattiva.
La GT40 suona la carica e arriva la riscossa. La supercar di Ford si impone a Daytona 1965 con la coppia Miles-Ruby, mentre l'anno seguente vince anche a Indianapolis, Sebring e ancora Daytona. Manca l'ultimo tassello: battere le Ferrari a Le Mans, la vetrina più importante. L'auto intanto è stata pompata fino a raggiunge i 7 litri di cilindrata, al pari dell'aerodinamica che diventa più ricercata e sofisticata. Per la campagna di Francia, Ford ha un piano che funziona alla perfezione, infatti sotto al traguardo della 24 Ore di Le Mans festeggiano i due equipaggi di casa composti da McLaren-Amon e Miles-Hulme.

Deflagra l'entusiasmo di Henry Ford, che finalmente riesce a dare una lezione all'insolente Ferrari. Il 1966 resta l'anno da incorniciare per la GT40 che ottiene ciò che gli era stato richiesto fin dal principio. Si sa che l'appetito vien mangiando, infatti Henry Ford II promette di confermarsi sul gradino più alto del podio anche nella stagione successiva, così apre il salvadanaio e innesta dei profumatissimi dollari nel suo reparto corse. Nasce il protitpo J-Car, che toglierà luce e spazio all'anti Ferrari.

Sembra una breve e intensa storia d'amore, ma all'improvviso la Ford GT40 torna in auge grazie a un repentino cambio di regolamento nel Mondiale marche. Il costruttore di Detroit vince l'edizione 1968 e conquista per due edizioni di fila la mitica 24 Ore di Le Mans. Epica l'impresa di Jacky Ickx nel 1969, quando dall'ultima posizione trionfa in volata contro la Porsche 908 di Herrmann. Sono anni ruggenti, nei quali la GT40 si impone come regina indiscussa dell'endurance.

Dopo un meritato commiato la GT40, figlia di un'insana voglia di rivincita, si congeda con una bacheca straripante di coppe e medaglie. Nessun'altra americana sarà come lei, nessuna si avvicinerà al livello mostrato dalla rombante creatura a quattro ruote anti Cavallino Rampante.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
18/11/2023 13:46:36


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Auto

Fiat 850, l’auto italiana per tutti i gusti compie 60 anni >>>

Fiat 600, in arrivo la nuova versione ibrida top di gamma >>>

Nuova Mercedes Classe E: lusso, comfort e tecnologia ai massimi livelli >>>

In arrivo la Abarth più potente di tutti i tempi >>>

Opel Corsa è l'utilitaria più venduta in Germania >>>

Jeep Avenger vs Fiat 600: i nuovi SUV di Stellantis a confronto >>>

Cosa scegliere tra Volkswagen T-Roc e Audi Q2: i due SUV a confronto >>>

Perché il motore elettrico dentro le ruote è una rivoluzione senza precedenti per le automobili >>>

Mercedes CLA Shooting Brake >>>

Alfa Romeo Tonale Plug-in Hybrid Q4 "Green Suv of the Year 2024" >>>