Notizie Locali Politica

Pubblicato il bando per i Piani operativi intercomunali in Toscana

Al momento sono 41 i Comuni che hanno approvato il Piano Operativo Intercomunale

Print Friendly and PDF

La Regione ha pubblicato il bando per la concessione dei contributi regionali per la redazione dei Piani operativi intercomunali per l’annualità 2024. Stabilisce le modalità di presentazione delle domande e di assegnazione dei contributi regionali, definendo i criteri di valutazione delle richieste di finanziamento.

I Piani operativi intercomunali sono strumenti di governo del territorio che riguardano più Comuni contigui per una pianificazione di area vasta. I Poi rappresentano la fase operativa successiva a quella che ha portato alla redazione dei Piani strutturali intercomunali che i Toscana hanno coinvolto 172 comuni (cioè oltre il 60% del totale), conseguendo l’obiettivo della formazione di 48 nuovi PSI (in luogo di 172 nuovi Piani Strutturali “tradizionali”) e, dunque, ottenendo semplificazione e risparmio di risorse pubbliche.

Al momento sono 41 i Comuni che hanno avviato adottato e approvato il Piano Operativo Intercomunale. Ciò porterà a definire un vero e proprio piano strategico regionale, che sarà un mosaico dei Piani Strutturali e Strutturali Intercomunali: una disciplina statutaria consolidata che sarà il riferimento delle prossime pianificazioni operative dei Comuni, in un sistema trasparente e semplificato.

Adesso i Comuni interessati hanno tempo fino al 30 settembre per presentare le domande con la richiesta di finanziamento. L’importo concedibile è pari 60.000 euro per raggruppamenti fino a tre comuni, a 100.000 euro per raggruppamenti fino a 5 comuni e a 140.000 euro per raggruppamenti con più di 5 comuni.

Il contributo regionale potrà raggiungere una percentuale massima del 60% a fronte del costo complessivo per la redazione del Piano Operativo Intercomunale dichiarato nella domanda.

Con questa ulteriore decisione, spiega l’assessore regionale all’urbanistica, la Regione intende incentivare la pianificazione d’area vasta, supportando gli Enti locali nel processo di pianificazione territoriale. A suo giudizio si tratta della logica conseguenza dell’applicazione della legge regionale 65 del 2014 che detta le norme per il governo del territorio, sottolineando come una delle principali finalità da perseguire sia quella di contrastare il consumo di suolo.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/05/2024 16:14:59


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Silvia Chiassai Martini: Protocollo per rafforzare i controlli nel centro storico anche la sera >>>

Fratelli d'Italia appoggia in maniera decisa Luciano Meoni nel ballottaggio a Cortona >>>

Limitazioni di vendita e somministrazione di bevande nel centro storico di Città di Castello >>>

Lunedì il consiglio comunale d'insediamento a Pieve Santo Stefano >>>

Tanti: sui servizi educativi dati sbagliati, dai 2 ai 6 anni siamo vicini a liste di attesa zero >>>

Il sindaco di Arezzo Ghinelli pronto a candidarsi alle prossime regionali in Toscana >>>

Regione Umbria: la Tesei non si tocca, la sua candidatura é blindata >>>

Lavori in corso nel territorio di Cortona >>>

Variazione al piano triennale delle opere pubbliche da Arezzo >>>

Toscana indenne da malattia vescicolare suina, può esportare la Finocchiona Igp in Usa >>>