Rubrica Emilia Romagna

Bologna, la battaglia dellʼassociazione: "Il ragù sia Igt o patrimonio dellʼUnesco"

Troppe imitazioni, servono tutele

Print Friendly and PDF

Anche sfogline, sfoglia e ragù meritano il loro riconoscimento. Come i pizzaioli e la pizza. E’ quanto sostengono i membri dell’associazione Ragù – The Real Bolognese Sauce, i quali chiedono a gran voce che anche queste eccellenze nostrane abbiano un certificato di qualità. Cosa vorrebbero esattamente? Che l’arte della preparazione della sfoglia - magari condita con il ragù, che un gruppo di bolognesi sta cercando di far diventare Igt (Indicazione Geografica tipica), com’è accaduto con il pesto genovese - diventi patrimonio dell’Unesco. “Nel mondo, ci sono troppe imitazioni del ragù, servono tutele”, affermano Davide Di Noi, Sara Roversi, Andrea Magelli e Mirco Montebugnoli, che guidano l’associazione. Lo riporta Il Resto del Carlino. “Lavoriamo in difesa del ragù - spiega Di Noi al quotidiano bolognese - perché non vogliamo fermarci alla ricetta depositata alla Camera di commercio nel 1982, credendo invece nell’importanza di una maggiore tutela”. I membri dell’associazione sperano di vedere il famoso condimento riconosciuto come marchio registrato.

L’appello dell’associazione - “A settembre durante il Festival del Ragù e de Le Salsamentarie, l'associazione, nata per difendere e diffondere il sugo più amato dai bolognesi, ha rilanciato la proposta di riconoscere le sfogline come patrimonio Unesco (mentre è ancora ferma la legge che le tuteli come figure professionali) e far partire il percorso che porti il ragù ad essere riconosciuto come marchio con disciplinare”, ha scritto Di Noi su Facebook.

"Chiediamo alla cittadinanza, alla stampa, alle aziende e alle Istituzioni di sostenerci in questo difficile percorso - continua Di Noi - affinché il ragù abbia una ricetta riconosciuta e dei paradigmi da rispettare per poter ottenere un certificato di qualità, così come avviene per tantissimi prodotti della nostra terra e della nostra tradizione e che le sfogline ottengano un riconoscimento degno di questa storia straordinaria: una storia di Bologna e dell'Emilia Romagna". 

“Troppe storpiature” - E' proprio in occasione del Festival del Ragù che i membri dell’associazione si sono resi conto che le imitazioni sono troppe. “Siamo venuti a contatto con varie realtà straniere che ci hanno presentato il loro ragù, fatto con il canguro o i grilli in Australia o con le famose meatball - racconta Di Noi al Carlino - Ecco, in quel frangente ci siamo resi conto che la nostra specialità è celebre e ha fatto conoscere Bologna, ma che in effetti alle storpiature non c’è fine, quindi è necessario tutelare il ragù, farlo diventare Igt, rendere ben riconoscibile la sua identità e magari l’anno prossimo al festival ospiteremo anche preparazioni più esotiche”. Concetto ribadito poi su Facebook da Di Noi, che chiosa: “È il momento di proteggere e celebrare l’originale”. Fonte Tg com

Redazione
© Riproduzione riservata
13/12/2017 15:14:18


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Emilia Romagna

Bobbio, un borgo medievale tutto da scoprire >>>

L'Eremo di San Michele >>>

Fortezza di Bardi >>>

Castello di Torrechiara >>>

Santarcangelo di Romagna >>>

Il Castello di Rivalta >>>

Brisighella è uno dei borghi più belli d'Italia >>>

Il Castello di Torrechiara >>>

Museo Lamborghini nella terra dei motori >>>

La Basilica di San Vitale a Ravenna >>>